Laboratorio di RSL-NL

Posted by: mccoy

Laboratorio di RSL-NL - 01/01/2015 14:24

1° post dell'anno nuovo, buon inizio a tutti!
salute

Ormai la RSL 1D con I codici della famiglia shake è diventata relativamente popolare, c'è materiale in giro, c'è il manuale della EPC, ci sono vari corsi...

STRATA rimane il re di tutti I codici della famiglia Shake, per la velocità e la possibilità di trattare più moti e più siti contemporaneamente.

In alcuni casi però potremmo volere verificare I risultati con un'analisi non lineare, in particolare con sedimenti soffici, sismi non piccoli, condizioni di sospetto overdamping delle alte frequenze.
Inoltre, se vogliamo un risultato in termini di tensioni efficaci, che tenga conto dello stato di liquefazione dei sedimenti sabbiosi ad esempio, I codici di calcolo SHAKE (tra cui STRATA) non sono in grado di eseguire questa analisi.

Per questo ho approfittato delle vacanze per approfondire la conoscenza di Deepsoil con il quale non ero molto familiare.

Scusate la lunga premessa. Se un numero sufficiente di persone è interessato, vorrei aprire un laboratorio di risposta sismica non lineare con Deepsoil. Come fu fatto 5 anni fa con STRATA. Ma certamente con maggiore know how.

Sono aperte le iscrizioni (gratuite).

ANNO NUOVO, RSL NUOVA
Posted by: ACorradini

Re: Laboratorio di RSL-NL - 01/01/2015 14:36

Buon anno Luca, sei già frizzante come un buon spumante italiano!!!

Ovviamente mi trovi interessato al laboratorio anche se, ovviamente, impreparato...

Approfitterò di questi giorni, fino alla Befana, di parziale relax per aumentare il mio sapere in ambito Deepsoil.

Grazie per gli stimoli e gli aiuti che mi dai,

ancora auguri

Alberto
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 01/01/2015 15:42

Ciao Alberto, prima di iniziare aspettiamo se c'è un numero minimo di interessati, Deepsoil è un freeware che ha il suo sito, bisogna registrarsi per potere scaricare il software, a me hanno risposto prontamente.

http://deepsoil.cee.illinois.edu/

Il software contiene un tutorial con spiegazioni.
Sui metodi lineari c'è qualcosa in rete anche se non moltissimo, materiale di Stewart, Hashash, hashash and park.

Albert kottke nella sua tesi di dottorato ha eseguito un interessante studio comparativo tra metodi LE, EQL e NL con STRATA e deepsoil (digitare su google:
peer kottke thesis)
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 01/01/2015 15:45

Alcune pubblicazioni fondamentali sono anceh nel sito deepsoil:

http://deepsoil.cee.illinois.edu/Publications.html
Posted by: Gianni Gambetta Vianna

Re: Laboratorio di RSL-NL - 01/01/2015 17:10

Ci sto anche io Luca. Domattina vedo di registrarmi e scaricare il sw.
Partiamo alla grande salute
Posted by: Massimo Della Schiava

Re: Laboratorio di RSL-NL - 01/01/2015 18:36

Buon Anno a tutti!!
Ci sono anche io!!
Domani o al max lunedì mi iscrivo e scarico il sw.

Ciao
Massimo
Posted by: giulio cancelli

Re: Laboratorio di RSL-NL - 02/01/2015 08:36

Buon Anno Luca, partecipo senz'altro anch'io al laboratorio di RSL NL, ho già provveduto ad iscrivermi al sito della Deepsoil.
Saluti
Giulio Cancelli
Posted by: michelec

Re: Laboratorio di RSL-NL - 02/01/2015 08:54

auguri a tutti ero già iscritto anni orsono sito e soft molto interessanti
Posted by: IngAmb

Re: Laboratorio di RSL-NL - 02/01/2015 10:14

Salve a tutti e piacere di conoscervi. Sono interessato anch'io a questo laboratorio eek
Posted by: AD70

Re: Laboratorio di RSL-NL - 02/01/2015 11:35

Ma come ancora devo digerire il manuale di RSL e già arriva un’altra portata dello chef mc! shocked
Speriamo di farcela!

Auguri a tutti
Posted by: Vorlicek

Re: Laboratorio di RSL-NL - 02/01/2015 13:14

Ma come accidenti fà Mcoy!!??!!!
Io mi piglio tre ggiorni di feie a partire da Oggi.
la settimana prox se ne riparla, magari "scagliono" il bocia d'ufficio io (spero di essere solo stanco) stò quasi per gettare la spugna, e poi con uno staccanovista come Mcoy come si fà a reggere il confronto
Bouna befana a tutti
pier-Andrea
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 02/01/2015 19:25

Vorlicek, non c'è bisogno di agitarsi, la mia intenzione sarebbe di fare tutto con calma, lasciando il tempo necessario alla verifica, ai commenti, ecc. Intanto direi che già siamo in numero sufficiente per la costituzione del laboratorio.

Un aspetto poi che mi sembra di capire è molto consigliabile è che all'inizio (e forse anche successivamente) bisogna procedere in parallelo con STRATA (o altro software della famiglia SHAKE) EQL e deepsoil NL, cercando poi di ragionare sulle differenze tra i due. forse si può fare con lo stesso deepsoil in modalità EQL.

Una differenza significativa nella impostazione è che STRATA suddivide automaticamente il modello in straterelli di minore spessore, in maniera tale da ottenere una risposta alla frequenza massima desiderata da noi.
In deepsoil invece bisogna creare questi straterelli manualmente, verificando poi (appare un menu dedicato) che le frequenze di interesse siano incluse nell'analisi.
Posted by: Mago Merlino

Re: Laboratorio di RSL-NL - 05/01/2015 02:53

Buon anno a tutti!!! se posso mi aggrego anch'io.....all'inizio vi seguirò un po a distanza...per causa di forza maggiore=ferie!
a presto
ciao
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 06/01/2015 01:35

Ciao mago, certo che puoi, anzi devi!!

Nessun problema per le ferie, faciamo poco alla volta.

Sono indeciso se postare un modello già preparato e discuterlo, oppure iniziare con un modello molto semplice senza postarlo e vedere e discutere i singoli risultati alla fine.
Posted by: ACorradini

Re: Laboratorio di RSL-NL - 06/01/2015 08:08

...tra le righe capisco che quindi si comincia?

il gruppo è fatto e sufficiente ad una buona e proficua discussione?

grazie

Alberto
Posted by: Mago Merlino

Re: Laboratorio di RSL-NL - 08/01/2015 00:19

Ciao Mc come credi meglio....il nostro asceta sei tu!!
in ogni caso penso che il nocciolo della questione sarà da sviscerare nel merito dei modelli costituitivi.
a presto
ciao
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 08/01/2015 14:56

Sì, alla fine la differenza è tutta lì, anche se per il modello iniziale non mi sono sforzato molto e ho brutalmente applicato il fit di compromesso sul modello di default, con G/Go + D offerto dal programma.

Si può vedere cosa accade variando il fit. Il primo esempio riguarda una successione di argille mediamente soffici su bedrock di 700 m/s spessa 50 m e al differenza tra EQL e NL.

Priam di postare eseguo una verifica e poi ci possiamo scatenare.
Posted by: DickZoppy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 08/01/2015 20:03

Mi accodo anch'io. Buon anno a tutti!
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 10/01/2015 10:35

Allego il materiale, più tardi posto i chiarimenti

Si tratta di una coltre spessa 50 m, costituita da coesivi modellati con le curve di Vucetic per PI=30%
Paragone tra EQL con strata, NL-deep, e anche EQL deep.

Il profilo in deep è stato modellato con n strati di vario spessore per non perdere la risposta alle alte frequenze

Le leggi costitutive non sono state affinate e questo sarà probabilmente uno dei punti critici del laboratorio.

Nel foglio Excel ci sono vari grafici comparativi tra i metodi.

Sono stati usati due moti di input, già contenuti nel materiale scaricato con deepsoil, chi chi, rappresentativo di un terremoto con PGA non elevata e Parkfield, con PGA alta.
Posted by: IngAmb

Re: Laboratorio di RSL-NL - 10/01/2015 13:27

Originariamente inviato da: mccoy


Il profilo in deep è stato modellato con n strati di vario spessore per non perdere la risposta alle alte frequenze


Nel grafico Check Maximum Frequency vi sono valori di max frequenza che vanno da 45 a 6.9 Hz, mentre nel manuale viene detto che "For all layers, the maximum frequency should fall between a range of a minimum of 25 Hz and a maximum of 50 Hz."

Come si procede correttamente?
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 10/01/2015 15:24

Originariamente inviato da: IngAmb
Originariamente inviato da: mccoy

Il profilo in deep è stato modellato con n strati di vario spessore per non perdere la risposta alle alte frequenze

Nel grafico Check Maximum Frequency vi sono valori di max frequenza che vanno da 45 a 6.9 Hz, mentre nel manuale viene detto che "For all layers, the maximum frequency should fall between a range of a minimum of 25 Hz and a maximum of 50 Hz."
Come si procede correttamente?


Mmmm, io ho interpretato quel "for all layers" riferito specificamente agli strati a minore profondità, perché la risonanza a profondità non superficiali genera frequenze minori di 25 Hz, a meno che ci sia qualche particolarissima situazione. Se controlli , gli strati che non 'vedono' frequenze > 7 Hz dovrebbero stare tutti a profondità che esclude la presenza di risonanza a tali frequenze.
Questo serve ad evitare di creare decine di strati.
Sono d'accordo però, dato che hai sollevato questo aspetto, che la cosa migliore è quella di provare a suddividere anche gli strati più profondi e di vedere se effettivamente non propagano le alte frequenze e soprattutto se cambia qualcosa.

Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 11/01/2015 01:45

Sto provando a salvare il profilo con altro nome per apportare le modifiche ma il programma sta dando problemi.
Il software è sensibile alla posizione della cartella di lavoro. Ossia, l'eseguibile lavora nella cartella DEEPSOIL che ha installato dove è capitato, altrove spesso non riesce a girare.
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 11/01/2015 10:15

Il problema del messaggio d'errore tentando di salvare i files con altro nome o di iniziare l'analisi è a volte frequente in deepsoil, per quanto ho potuto accertare dipende dalla cartella dove sono stati salvati i files, io sono riuscito a risolvere solo copiando il file sul desktop, rinominandolo e incollandolo nella cartella di lavoro. Tutte le analisi vengono riferite alla cartella di lavoro (workplace).
È un metodo molto meno efficiente di STRATA di gestire i files di input e output. Ho provato a disinstallare e reinstallare ma senza buon esito.
Se qualcuno riesce a trovare una soluzione efficace la posti in grassetto!!
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 11/01/2015 11:44

In risposta alla osservazione di IngAmb, ho proceduto a suddividere il profilo in ulteriori strati, per garantire la propagazione di frequenze minime di 25 Hz.

La differenza c'è alle alte frequenze, bisogna decidere se per la struttura target le differenze sono significative o meno.

Nel nostro caso, è certamente meglio adottare il profilo con frequenza minima di 25 Hz. La differenza si vede soprattutto negli spettri di risposta, nel range 0-0.25 secondi.

Evidentemente si tratta più di un problema di propagazione delle frequenze del moto di input (alle quali ricordiamo che lo spettro di risposta è molto sensibile) che di risonanza.

Il grande problema è che con profili a bedrock profondo si tratterebbe di costruire modelli con centinaia di strati per garantire la propagazioen delel alte frequenze, e questo non è sempre possibile.
Ricordo che in STRATA la suddivisione in n strati è automatica, con scelta della frequenza minima di propagazione dal menu principale.
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 11/01/2015 11:56

ecco i nuovi files, con un suffisso 25 Hz

Il nuovo profilo ha 27 strati e mantiene la profondità di 50 m, con Vs 180 fino a 25 m, 250 da 25 a 50.

La differenza rispetto al precedente è che, come IngAmb ha osservato, questo segue rigorosamente i suggerimenti degli autori, ossia vengono propagate frequenze minime di 25 Hz.
E' utile paragonare i rispettivi outputs, così abbiamo un'idea delle possibili differenze quando non è possibile rispettare questa regola.
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 11/01/2015 12:10

PREMESSA: le analisi non lineari generalmente vanno condotte IN PARALLELO con le analisi EQL.
La prima cosa che balza all'occhio nell'aspetto delle funzioni di amplificazione EQL e NL è l'estrema frastagliazione del segnale nella NL rispetto alla EQL, come illustrato nel grafico.


In grigio è la funzione FA-NL non mediata, in rosso una mediana mobile a 10 finestre, che elimina gli effetti dei picchi isolati. Abbiamo anche le FA EQL di strata e di Deepsoil

Il motivo, secondo quanto spiegato da Albert Kottke nella sua PhD dissertation, pag. 124:

Quote:
The phase incoherence at high frequencies, as well as the large peaks in the amplitude of the transfer function at high frequencies, is the result of the soil
properties changing with time in nonlinear analysis, in particular the instantaneous
change in stiffness that occurs upon stress reversal.
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 11/01/2015 12:19

Adesso mi fermo e lascio spazio all'esame del materiale e alle osservazioni, se non mi viene qualcos'altro in mente.

Rammento che si tratta di una coltre di spessore pari a 50 m, quindi la FA di sito è dominata dal picco posto a poco meno di 1 Hz circa, mentre le risposte spettrali sono governate dai moti di input filtrati e amplificati dalla stratigrafia.

Il moto di CHI-CHi ha una PGA di 0.18, quello di Parkfield di 0.36, per cui entrambi sono rappresentativi di condizioni realistiche in Italia.

Le altre caratteristiche dei terremoti sono elencate in appendice del tutorial di Deepsoil.
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 19/01/2015 00:09

Gli autori di Deepsoil hanno sviluppato un modello iperbolico da loro denominato MRDF (Modulus reduction and damping fitting) che si basa su una procedura di fitting del modello iperbolico che tenta di ottimizzare contemporaneamente il fit con la curva di riduzione del modulo e la curva del damping ratio.

Questo fa parte della assegnazione dei parametri degli strati (material properties), in deepsoil è una procedura automatizzata che necessita soltanto delal nostra accettazione o eventualmente dell'adozione di un fit diverso.
Posted by: ACorradini

Re: Laboratorio di RSL-NL - 19/01/2015 12:20

Originariamente inviato da: mccoy
Questo fa parte della assegnazione dei parametri degli, in deepsoil è una procedura automatizzata che necessita soltanto delal nostra accettazione o eventualmente dell'adozione di un fit diverso.


buongiorno mccoy

di tutta la erudita trattazione questa frase mi resta proprio oscura...potresti esplicare meglio?

grazie

Alberto
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 19/01/2015 19:29

Alberto, si capisce tutto facendolo, basta andare in 2a pagina dell'analisi in 'material properties', scegliere la litologia, la curva di letteratura, e controllare come G/G0 e D sono fittate dal modello MRFD, accettando eventualmente il fit.
Con la calma allego un'immagine
Posted by: IngAmb

Re: Laboratorio di RSL-NL - 04/02/2015 19:33

ho rifatto i profili con gli strati tutti alla stessa frequenza, tranne il primo. Allego la cartella con i risultati, dove NL sono i risultati dell'analisi postata in precedenza e NW il caso senza falda(spuntando l'opzione no water table)
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 07/02/2015 21:20

Mi sembra che ci siamo, vedo delle trascurabili differenze alle alte frequenze nella FA e nient'altro, oltre che qualcosa che cambia con la falda.
Mi sarei preoccupato se ci fossero state differenze maggiori.
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 07/02/2015 21:23

Cosa vogliamo fare adesso? Ci sono degli aspetti problematici che qualcuno ha notato? Altrimenti andiamo avanti con l'esame dei parametri non lineari strato per strato e del fittaggio delle curve secondo i vari modelli
Posted by: IngAmb

Re: Laboratorio di RSL-NL - 09/02/2015 10:01

Per me va bene!
Posted by: ACorradini

Re: Laboratorio di RSL-NL - 09/02/2015 19:42

eccomi....barcollo ma non mollo!!!

mi manca una specifica: come hai recuperato i valori di beta e s?

ho letto nel manuale di DS (parr. 1.12.2 e 1.12.3) che b e d = 0 ti servono per definire la pressione indipendentemente dalle piccole variazioni dello "strain dumping"

P1, P2 e P3 (per quest'ultimo qualsiasi valore?) ti aiutano nella definizione di R (fattore di riduzione del MRDF modello iperbolico)

ma beta e s veramente non le ho trovate...

abbiate pazienza, sono ancora un poco raffreddato e influenzato (oltre che ignorante!!)

buona serata

Alberto
PS: ci sono anch'io per lesson 2
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 10/02/2015 23:29

Alberto, i valori si ricavano generalmente tramite fitting con le curve di G, D, oppure fitting congiunto G-D, è quello che ci accingiamo a vedere, fammi attrezzare anche con qualche immagine.
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 11/02/2015 09:02

NUOVA VERSIONE BETA DI DS

E' arrivato questo avviso agli utenti registrati, credo convenga terminare il 1° esempio con DS 5 e poi passare alla v6.0

Quote:
The DEEPSOIL development team is proud to announce the public beta release of DEEPSOIL 6.0 for testing. Version 6 is a complete rewrite of the computational code for all analyses. The interface has also received numerous usability enhancements and introduces a new analysis workflow. Please login here and download the updated installer. This is pre-release software and should be used for testing and evaluation purposes only. Version 5.1 remains available as the current stable release. The main updates in version 6 include:
• Completely rewritten computational core that is approximately 1 order of magnitude faster than pervious DEEPSOIL releases (computational time reduced by a factor of 10 or more).
• Significant updates to many of the analysis windows.
• The number of concurrent analyses in batch mode is no longer limited to 4 if the hardware supports additional threads (see Options menu to set the maximum).
• Users can now conduct single-element tests to model hysteretic behavior along a user-defined strain path.
• Added the option to run an equivalent linear analysis when running a nonlinear analysis without requiring any change to an existing nonlinear profile.
• The deconvolution routine has been rewritten and is available as part of frequency domain linear and equivalent linear analyses.
• Added the ability to conduct timestep reductions of input motions using zero-padding in the frequency domain.
• Added the option to use zero-padded frequency domain interpolation for calculation of acceleration increments during time domain analyses (new default behavior).
• Completely rewritten motion processor and baseline correction routines.
• Completely rewritten input motion converter to allow for conversion of non-PEER motion files to DEEPSOIL format.
• Added support for the Roblee and Chiou (2004) dynamic properties curves as reference curves in the “Dynamic Properties” window.
• Added the ability to view results from batch analyses.
© 2002-2015 Board of Trustees of University of Illinois at Urbana-Champaign and Youssef Hashash
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 15/02/2015 09:42

Come inserire le proprietà non lineari dei materiali.
Nella seguente schermata dobbiamo cliccare la casella 'material properties', evidenziata in giallo.

Deepsoil non conserva i riferimenti delle nostre scelte, per cui dobbiamo annotarli da qualche parte. per la coltre argillosa dell'esempio io avevo scelto la curva dio Vucetic e Dobry per PI= 30.

Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 15/02/2015 09:50

A questo punto, nella nuova schermata, 'reference curve', scegliamo Vucetic & dobry, 1991 (la scelta alternativa è il database di darendeli), con PI = 30.

Più sotto, in 'curve fitting', scegliamo MRDF-UIUC a clicchiamo 'fit curve'.

Adesso vediamo nei grafici di G/Go e D a destra che i dati del modello MRDF fittano quasi perfettamente la curva G7Go e fittano moto bene la curva D.

Simo pertanto soddisfatti e clicchiamo infine 'use fit', in basso, per acquisire tutti i parametri non lineari nel modello, salvando infine con 'apply', in basso a destra.

Il programma ha fatto tutto lui, noi dobbiamo solo controllare e decidere se desideriamo un fit migliore (in questo caso ovviamente no, il fit è già ottimo).




Posted by: ACorradini

Re: Laboratorio di RSL-NL - 22/02/2015 15:21

ciao

ci sono, ho fatto l'esercizio ed ho anche capito (quasi tutto...)

un solo dubbio: se per ogni straterello (costruito per avere max freq compresa tra 25 e 50 Hz) ma di una unica litologia inserisco la stessa curva (per sabbie o per argille indifferentemente) ottengo sempre gli stessi medesimi valori delle variabili del foglio di valori b, d, beta ecc.

anzi, anche per gli straterelli "clay2" ho gli stessi valori b, d, beta ecc...

E' corretto o sbaglio qualche passaggio?

grazie e buona domenica

Alberto
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 23/02/2015 10:17

Alberto, dato che i parametri si basano sulle curve G/Go e D, argilla e sabbia sono due situazioni diverse. Nella successione in esame per semplicità si tratta di sole argille con curve di VD IP 30. Se dovessimo cambiare le curve di riferimento cambierebbero anche gli altri parametri.
Clay2 ha diversa Vs ma medesime proprietà non lineari.

Una maniera di studiare i cambiamenti può essere ad esempio l'adozione di curve di Darendeli, lasciando invariato PI. qui c'è un parametro k da definire bene, credo si tratti del rapporto s'h/s'v e che s'v sia calcolato automaticamente ma è necessario verificare.

Oppure variare PI e vedere come si comportano gli altri parametri e se il fitting rimane buono o se si deve intervenire manualmente, e come la FA e lo spettro di outupt variano con il variare delle proprietà non lineari.
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 09/06/2020 09:12

E' disponibile la versione 7.0 di Deepsoil, con sostanziali miglioramenti, tra i quali l'automatizzazione dello spessore di una coltre in n strati.

http://deepsoil.cee.illinois.edu/Index.html
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 09/06/2020 21:52

ho iniziato a fare degli esperimenti con Deepsoil, è molto più agevole delle precedenti versioni.
In condizioni non lineari estreme le differenze con il metodo EL sono estreme, rimangono da vedere le differenze in condizioni NL più moderate quali quelle nel nostro territorio.
Posted by: ACorradini

Re: Laboratorio di RSL-NL - 10/06/2020 09:17

Buongiorno Luca

sei sempre un punto di riferimento utilissimo e prezioso.

Grazie per i tuoi contributi!
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 10/06/2020 10:50

Originariamente inviato da: ACorradini
Buongiorno Luca
sei sempre un punto di riferimento utilissimo e prezioso.
Grazie per i tuoi contributi!


Ah Ah, grazie per l'esagerazione!
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 10/06/2020 11:04

Ecco una verifica di un caso reale: successione con argille limose soffici e torba su bedrock ingegneristico con Vs=550 ms-1 (posterò l'immagine oltre) verifica su singolo moto di input con PGA= 0.24 [g]

Sotto, gli spettri di risposta al bedrock ing. (in nero) e in superficie (blue). Come si nota, la differenza tra NL e EQL è molto significativa. Ci sono alcuni dettagli da verificare, tipo se il Do imposto nel NL è stato adottato nell'EQL. Il nuovo Deepsoil automaticamente permette il confronto tra spettro NL e spettro EQL.



In particolare, si nota la forte attenuazione spettrale in questa successione, che si comporta a tutti gli effetti come un isolatore sismico per le bassee frequenze soprattutto.

L'effetto di attenuazione si accentua considerando le proprietà non lineari della successione, come dovrebbe essere fatto dato che si tratta di torbe e terreni soffici con prevedibili fenomeni di plasticità
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 10/06/2020 11:24

Questa è la stratigrafia, con la forza di taglio mobilitata per ogni strato.
Non esco dall'output perchè non so se riesco a recuperare facilmente la stratigrafia, gli spessori e le Vs sono comunque le seguenti dall'alto:

1- 2.4 m vs=133
2- 5.6 m, Vs = 200
3- 17 m, Vs= 160
4- 8 m, Vs = 220
5- 8 m, Vs = 150
6, bedrock, Vs= 550 ms-1

Lo strato arancione di torba, con una tau mobilitata prossima al 100% della tau max, probabilmente contribuisce maggiormente all'attenuazione sismica per frequenze < 1 Hz.

Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 07/07/2020 22:36

Avevo scritto in un post precedente che il programma può discretizzare automaticamente gli strati, in effetti, al pari di STRATA, basta specificare la frequenza massima desiderata e lo spessore degli n strati sarà regolato di conseguenza.

Questa è un'opzione molto utile quando si vogliono esplorare gli effetti di una coltre spessa e soffice sulla RSL.
Ad esempio, questa è una coltre di argilal di 20 m, Vs=225 ms-1, su flysch con Vs= 850 ms-1, discretizzata in maniera che max f = 35 Hz



Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 07/07/2020 22:40

Questi sono gli spettri di risposta al bedrock (in nero) e in superficie in condizioni EQL



E questi gli stessi spettri in condizioni NL

Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 07/07/2020 22:46

Le immagini si commentano da sole: mentre in condizioni EQL il picco a 0.8 s circa arriva a un Ag/g=1.6, in condizioni non lineari lo stesso picco ha un valore di AG/g= 1.15.

In condizioni NL quindi questa coltre risulta amplificare significativamente meno che in condizioni EQL.

Mi rimane un dubbio, ossia cosa succederebbe con strata impostando un D min = 3 o 4% (nella simulazione con deepsoil il Do max= 2.3 in superficie) e utilizzando il metodo FDEQL, potremmo avere un valore meno alto del picco EQL di deepsoil, questo sarà il prossimo esperimento.

Ricapitolando:

Terremoto di input con PGA= 0.22 circa
Coltre di 20 m di spessore, discretizzata con fmax=35 Hz, Vs=225 m-s, argilla con IP=30, curve nonlineari da database di Darendeli
Bedrock con Vs= 850 ms-1
Posted by: AD70

Re: Laboratorio di RSL-NL - 09/07/2020 09:25

Grazie Luca!
le differenze sono estremamente marcate.
dovrò iniziare a studiare deepsoil shocked ...aspettando l'uscita del libro "manuale pratico di risposta sismica locale NL" grin
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 09/07/2020 13:40

Originariamente inviato da: AD70
...aspettando l'uscita del libro "manuale pratico di risposta sismica locale NL" grin


Ci sto davvero pensando, forse è il momento di scrivere un 'Manuale avanzato di RSL 1D', che comprenda anche il caso NL.

Sulle differenze, vediamo cosa ci dice il grafico di Kaklamanos, Bradley et al.
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 09/07/2020 22:15

Il grafico di Kaklamanos et al. 2013 può essere consultato come indicazione preliminare, anche se non sempre è decisivo (il grafico è stato rivisto per lo strain ratio nel 2018).



Alle basse frequenze il metodo LE-EQL sembra vada sempre bene o quasi.

Secondo deepsoil in effetti oltre 1 sec le differenze tra NL e EQL sarebbero trascurabili, però nell'analisi ad 1 s la differenza inizia ad essere significativa, mentre secondo il grafico i risultati dovrebbero essere approssimativamente uguali.

Ad alte deformazioni e basse, medio-basse frequenze il metodo EQL decisamente può dare problemi...

Per cui: sedimenti soffici+ alta PGA= alte deformazioni, fenomeni non lineari potenzialmente marcati al di sotto di T 0.6 secondi circa
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 09/07/2020 22:24

Kaklamanos et al. 2018, grafico T-deformazioni rivisto

Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 09/07/2020 22:34

Andamento della deformazione di taglio nella precedente analisi di RSL NL:



Se non erro, trovando un gamma_max=0.6%, l'analisi EQL dovrebeb essere sufficiente.

Secondo Deepsoil però non sarebbe esattamente così.

Le spiegazioni di questa incongruenza possono essere varie, la prima che mi viene in mente è che Deepsoil costituisce un'analisi teorica mentre il grafico si basa su analisi empiriche dei dati KIK-NET
Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 13/07/2020 22:32

Ho provato a simulare un profilo con 75 m di coltre a due strati con STRATA - FDEQL, e dal profilo del maximum shear strain si nota un massimo di 0.16 %
Dal grafico di kaklamanos et al. prima postato, qui ci troveremmo, ancora in regione EQL.
Si tratta di 37.5 m di argilla con VS=250 e 37.5 m di sabbia con VS=400, su bedrock con Vs=900, solita unità in ms-1.
PGA moto di input = 0.23 g.
Nel grafico si nota il netto stacco in corrispondenza del contrasto di impedenza all'interno della coltre, tra i due strati, anche se non è molto marcato

Posted by: mccoy

Re: Laboratorio di RSL-NL - 13/07/2020 22:52

Originariamente inviato da: mccoy
Andamento della deformazione di taglio nella precedente analisi di RSL NL:



Se non erro, trovando un gamma_max=0.6%, l'analisi EQL dovrebeb essere sufficiente.

Secondo Deepsoil però non sarebbe esattamente così.

Le spiegazioni di questa incongruenza possono essere varie, la prima che mi viene in mente è che Deepsoil costituisce un'analisi teorica mentre il grafico si basa su analisi empiriche dei dati KIK-NET


A questo punto bisognerebbe indagare a quale profondità corrisponda il segnale delle deformazioni e se costituisce il massimo a tutte le profondità