Filo diretto con i geologi italiani    
 
Non sei ancora iscritto ?
oggi è il compleanno di:
gabriel (40)
Chi è Online
4 utenti registrati (LABORATORIO, Marco Marin, gioiadario, cccp), 225 Guests and 4 Spiders online.
Key: Admin, Global Mod, Mod
Top Posters (30 Days)
mccoy 19
AD70 9
anticlinale 7
Carlo Caleffi 4
Maniscalco 4
Sponsor
GeoFoto
Di cosa si tratta?
È una tectite?
Secondo voi cos'é?
... naturale o antropico ?!?! ...
Sponsor
Sponsor
Pagina 2 di 3 < 1 2 3 >
Opzioni Topic
Vota Questo Topic
#143192 - 30/08/2017 13:18 Re: DPR 120/2017 - NUOVO DECRETO TERRE E ROCCE DA SCAVO ***** [Re: Massimo Della Schiava]
Fra' Offline
Member

Registered: 26/03/2003
Post: 272
Loc: Basilicata
Ho letto il nuovo testo e a quanto pare c'è ancora qualche dubbio sulla realizzazione della caratterizzazione ambientale da fare nella dichiarazione sostitutiva per i cantieri di piccole dimensioni.

In qualità di componenete di una commissione edilizia ho cercato di fare un sunto di quello che si dovrebbe produrre. Di seguito riportato. Correggetemi please.

nei cantieri di piccole dimensioni, l’utilizzo delle rocce da scavo, sottratte alla normativa sui rifiuti, è consentita se, il produttore, per utilizzarle in opere quali, rinterri, rimodellamenti, recuperi, riempimenti ambientali o altri utilizzi sul suolo, riesce a dimostrare i requisiti ambientali:
- non superamento delle concentrazioni soglia di cui alle colonne A e B, Tab. 1, All.5, Titolo V del D.L. 152 del 2006, riferite alle matrici ambientali e alla destinazione d’uso urbanistica del sito di destinazione;
- che le terre e rocce da riutilizzare non costituiscono fonte diretta o indiretta di contaminazione per le acque sotterranee, fatti salvi i valori di fondo naturale.
In tal caso, anziché redigere il piano di riutilizzo, è possibile produrre una DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOROTIETA’ resa ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445
Tale dichiarazione va resa almeno 15 gg prima dell’inizio dei lavori di scavo al comune del luogo di produzione e all’ARPA territorialmente competente.
In questa dichiarazione il produttore indica la quantità delle terre e rocce da scavo da destinare all’utilizzo come sottoprodotti, l’eventuale sito di deposito intermedio, il sito di destinazione, gli estremi autorizzativi per la realizzazione delle opere e i tempi previsti per l’utilizzo che comunque non possono superare un anno dalla data di produzione.
La dichiarazione di cui sopra, assolve alla funzione di piano di riutilizzo. E può essere prorogata una sola volta per sei mesi.
Dall’allegato 1 si desume che per accertare i requisiti di qualità ambientale, si procede alla caratterizzazione ambientale redatta secondo gli allegati 2 e 4. La caratterizzazione ambientale va inserita nella progettazione dell’opera.
L’allegato 2 prevede che la caratterizzazione è eseguita mediante scavi esplorativi (pozzetti o trincee). Il numero di punti di indagine non può essere inferiore a 3 ed è aumentato in base alla tabella:
Dimensioni dell’area Punti di prelievo
S < 2500 mq 3
2500 < S < 10000 3 + 1 ogni 2500 mq in eccedenza
S > 10000 7 + 1 ogni 5000 mq in eccedenza

Top
#143196 - 31/08/2017 08:13 Re: DPR 120/2017 - NUOVO DECRETO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: Fra']
StefanoR Offline
Member

Registered: 30/03/2012
Post: 42
Sulla questione Allegato 1 e 2 per le TRS dai cantieri di piccole dimensioni ho qualche dubbio. Se guardiamo per bene il DPR per la gestione TRS da cantieri di piccole dimensioni (che secondo l'art. 22 vale anche per quelli grandi non sottoposti a VIA o AIA), “Le disposizioni del presente Capo si applicano alle terre e rocce da scavo prodotte in cantieri di piccole dimensioni, come definiti nell’articolo 2, comma 1, lettera t) , se, con riferimento ai requisiti ambientali di cui all’articolo 4, il produttore dimostra, qualora...”. L'unico riferimento è all'allegato 4 mentre l'allegato 1 e 2 vengono riportiamo e riferiti per i cantieri di grandi dimensioni sottoposti a VIA o AIA. Quindi, se ho capito vene (può darsi anche di no....) gli allegati 1 e 2 si utilizzano solo per i cantieri di grandi dimensioni sottoposti a VIA o AIA e per gli altri no..

Top
#143197 - 31/08/2017 08:32 Re: DPR 120/2017 - NUOVO DECRETO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: StefanoR]
Carlo Caleffi Offline
Member
***

Registered: 13/04/2000
Post: 535
Loc: Marmirolo MN
Originariamente inviato da: StefanoR
gli allegati 1 e 2 si utilizzano solo per i cantieri di grandi dimensioni sottoposti a VIA o AIA e per gli altri no..


Anch'io ho interpretato la norma in tal senso. Aspetto altri pareri...

Top
#143198 - 31/08/2017 09:51 Re: DPR 120/2017 - NUOVO DECRETO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: Carlo Caleffi]
Fra' Offline
Member

Registered: 26/03/2003
Post: 272
Loc: Basilicata
ok, ragazzi io ho dei dubbi sul seguenti:

art. 20 Capo III: ........se con riferimento ai requisiti ambientali di cui all'art. 4, il produttore dimostra, .....

art. 4 Capo I : lettera d del comma 2, soddisfano i requisiti di qualità ambientale espressamente previsti dal Capo II o dal Capo III o dal Capo IV del presente regolamento.

Allegato 1: caratterizzazione ambientale delle terre e rocce da scavo: La caratterizzazione ambientale è svolta per accertare la sussistenza dei requisiti di qualità ambientale delle terre e rocce da scavo ed è inserita nella progettazione dell'opera.
La caratterizzazione ambientale è svolta dal proponente in fase progettuale.


Dunque, la caratterizzazione ambientale va comunque fatta sempre in fase progettuale. Se poi sono previsti volumi di scavi tali da rientrare nei grandi cantieri, si redige il piano di riutilizzo, viceversa la dichiarazione. Cosa ne pensate?

Top
#143202 - 31/08/2017 12:35 Re: DPR 120/2017 - NUOVO DECRETO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: Fra']
StefanoR Offline
Member

Registered: 30/03/2012
Post: 42
Esatto...
La questione del mumero di campioni minimi secondo me riguarda solo quando devi fare il Piano di Utilizzo ovvero grandi cantieri sottoposti a VIA o AIA perchè è espressemnre richiesto nell'art. 8 comma 1.

Top
#143276 - 18/09/2017 10:53 Re: DPR 120/2017 - NUOVO DECRETO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: StefanoR]
massimo trossero Offline
Member
***

Registered: 04/10/2000
Post: 3891
Loc: Nichelino, Piemonte, It
Scusa ma allora secondo te la caratterizzazione ambientale la puoi fare senza campionamenti, solo in base a ricerca storica?

Non ho ancora approfondito bene, esistono ancora differenze in piccoli cantieri dove non porti via terre?

Grazie


Edited by massimo trossero (18/09/2017 15:42)
_________________________
"Prosunt omnia quae obstant"
http://trossero.blogspot.it/

Top
#143277 - 18/09/2017 11:14 Re: DPR 120/2017 - NUOVO DECRETO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: massimo trossero]
StefanoR Offline
Member

Registered: 30/03/2012
Post: 42
Secondo me, a livello di caratterizzazione si può riassumere così:
1) Cantieri di grandi dimensioni sottoposti a VIA o AIA: Allegato 1 e 2 e caratterizzazione secondo allegato 4.
2) Cantieri di grandi dimensioni non sottoposti a VIA o AIA e piccole dimensioni: Caratterizzazione secondo allegato 4.
Nel caso 1 il numero di campioni minimi, le profondità di scavo per il prelievo etcc.. e devi eseguire obbligatoriamente quanto disposto dagli allegati 1 e 2. Nel caso 2 invece non è previsto di seguire i disposti dell'allegato 1 e 2. Per entrambi i casi la caratterizzazione deve seguire i disposti dell'allegato 4.
Per quanto riguarda l'utilizzo interno all'interno dello stesso sito di produzione si deve seguire quanto disposto dall'art. 24 secondo la procedura autorizzativa dell'intervento, ovvero comma 1 (caso di un autorizzazione semplice SCIA. PdC etcc) e comma 3-6 per opere soggette a VIA.
Nel caso semplice riporta chiaramente "..la non contaminazione è verificata ai sensi dell'allegato 4...". A mio parere l'analisi ci vuole sempre perché è vero che l'art. 185 ha come titolo "Esclusioni dall’ambito di applicazione" e quindi vengo esclusi a priori dai rifiuti ma se si legge l'inizio del comma 1 dell'art. 24 dice che "Ai fini dell'esclusione dall'ambito di applicazione della normativa rifiuti..." quindi mette delle condizioni da verificare affinché l'esclusione sia fattibile.
Quanto sopra è una mia interpretazione...

Top
#143279 - 18/09/2017 12:47 Re: DPR 120/2017 - NUOVO DECRETO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: StefanoR]
mtwelve Offline
Member

Registered: 05/07/2009
Post: 136
Loc: Valdichiana
Per come la vedo io il riutilizzo in posto ai sensi dell'articolo 185 già prevedeva di per sé (anche prima dell'entrata in vigore del DPR) l'esecuzione di analisi al fine di verificare che il suolo è non contaminato (frase di esordio del comma c), indipendentemente dal nuovo DPR che, a tale scopo, rimanda all'allegato 4.
_________________________
12

Top
#143501 - 04/11/2017 18:58 Re: DPR 120/2017 - NUOVO DECRETO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: StefanoR]
geodario Offline
Member

Registered: 22/01/2007
Post: 347
Loc: Treviso
StefanoR direi che la tua interpretazione è giusta.
Nel caso 2 (cantieri di piccole dimensioni o non sottoposti a VIA - che è la STRAGRANDE maggioranza degli interventi) per i materiali che restano in loco ho un grande dubbio: va verificata la non contaminazione secondo l'allegato 4 (ma non il 2), quindi decido io dove e come fare il campionamento.
....e dopo??? L'articolo non dice che bisogna mandare a qualcuno le analisi! Che facciamo? Ce le teniamo noi (o il proponente?).
E passo ad un esempio: scavo per una subirrigazione, o un pozzo drenante, faccio un campione (a sto punto il progetto costa più dell'opera), e poi dico al cliente tienti le analisi. Perchè, per un eventuale controllo? di una subirrigazione? Ergo: non faccio campioni e basta!
La morale è questa (ieri ero ad un seminario sulle TRS): è vero che i progettisti non si sono ancora ben conformati ad una regolamentazione che è ormai in vigore da più di un decennio (con le varie ss.mm.ii.), ma la norma è ancora incompleta! Dopo quindici anni? Mah a me viene da pensare....

Top
#143520 - 08/11/2017 10:52 Re: DPR 120/2017 - NUOVO DECRETO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: Massimo Della Schiava]
Tacs Offline
Member

Registered: 09/05/2004
Post: 447
Loc: prov. RA
Non entro in merito alla questione legislativa, in quanto devo ancora leggermi la legge, ma solo in merito alla questione logica: se il terreno scavato resta totalmente all'interno dell'area di cantiere (perchè usata per i reinterri o perchè utilizzata per livellamenti e/o rimodellamenti morfologici) non avrebbe senso effettuare delle analisi dei terreni, in quanto, logicamente parlando, se il terreno è inquinato/contaminato resta comunque nell'area inquinata/contaminata, mentre se non lo è non cambia nulla.
La logica della normativa è che se allontani del materiale inquinato/contaminato allora non puoi portarlo dove vuoi, ma devi considerarlo un rifiuto. se invece la tua area è inquinata, movimentare il rifiuto all'interno della tua area cambia poco; è a tutto vantaggio della proprietà rendersi conto che il suo terreno è contaminato (e quindi fare delle analisi) ma non si può obbligare chiunque fa del movimento terra all'interno del suo cantiere a fare delle analisi del terreno; altrimenti aspettiamoci che l'intero comparto agricolo vada in rovina, visto che anche solo arare il terreno comporta una forma di scavo (il terreno in profondità viene "rigirato" e portato in superficie e viceversa).
Nel caso tale inquinante dovesse andare a contaminare la falda, allora le proprietà vicine se ne accorgerebbero e obbligherebbero la proprietà del terreno contaminato ad eseguire la bonifica completa.

Top
Pagina 2 di 3 < 1 2 3 >

Moderatore:  Massimo Della Schiava 
Pubblicità
Ultimi Post
DPR 120/2017 - NUOVO DECRETO TERRE E ROCCE DA SCAVO
by luca.geo
Oggi alle 15:45
Codice Cer Terra con Bentonite
by luca.geo
Oggi alle 15:44
strumentazione sismica
by aury
Oggi alle 09:43
prestazioni professionali in proprio
by Maniscalco
Ieri alle 19:59
Istallazione Strata
by mccoy
17/11/2017 22:52
Ricerca personale
by Pietro85
17/11/2017 13:00
Acquisitore PASI
by GiuseppePasquale
16/11/2017 11:55
Statistiche Forum
16166 Utenti
36 Forums
19042 Topics
142204 Posts

Max Online: 1780 @ 08/04/2009 23:01
Nuove Registrazioni
luca.geo, FabrPeru, andrea0209, Rufyx, protos
16165 Utenti Registrati
Sponsor

www.geologi.it bar-2
bar-3

Per domande o commenti su questo sito Web info@geologi.it