Filo diretto con i geologi italiani    
 
Non sei ancora iscritto ?
oggi è il compleanno di:
mik974 (40)
Chi è Online
0 utenti registrati (), 39 Guests and 3 Spiders online.
Key: Admin, Global Mod, Mod
Top Posters (30 Days)
michelec 45
mccoy 29
AD70 22
pasionaria 21
Alex-64 15
Sponsor
GeoFoto
A Campo Imperatore: che roba è
Nuovo fossile trovato
Ho trovato dei fossili?
Aiuto per identificazione fossili
Sponsor
Sponsor
Pagina 1 di 2 1 2 >
Opzioni Topic
Vota Questo Topic
#48749 - 15/09/2004 08:17 Celle Casagrande
Corindone Offline
Member

Registered: 15/09/2004
Post: 49
Loc: Milano
Buongiorno a tutti! Avrei ben due domande da porre:
1)Qualcuno mi può spiegare il perchè in certi terreni sia prederibile utilizzare una cella Casagrande piuttosto che un normale tubo fessurato? Perchè ho provato a tagliare a metà una cella e, a parte la prosità ridotta della parte in ceramica, non capisco perchè utilizzarla!!
2)Messo un piezometro in opera, è scontato che l'altezza dell'acqua misurata all'interno del tubo (qualunque sia il tipo di piezometro utilizzato) sia l'altezza del livello piezometrico esistente nel terreno che circonda tale tubo (inm acquifero non confinato).
Ma se un terreno non è saturo, cosa misuro?
Grazie!!

Top
#48750 - 15/09/2004 12:52 Re: Celle Casagrande
Corindone Offline
Member

Registered: 15/09/2004
Post: 49
Loc: Milano
Mhh! Vedo che mia domanda ha interessato tutti!!!! :rolleyes: frown frown frown frown frown

Top
#48751 - 15/09/2004 14:48 Re: Celle Casagrande
vcolax Offline
Member

Registered: 04/04/2001
Post: 829
Loc: Cassino
Beh, non pensare che stiano tutti li ad aspettare un nuovo post per dire la propria, se aspetti un po' prima o poi una risposta arriva...

Comunque la cella di Casagrande si usa in terreni con permeabilità bassa, un tubo fessurato in terreni a più alta permeabilità...detto molto semplicisticamente

Top
#48752 - 15/09/2004 14:55 Re: Celle Casagrande
Corindone Offline
Member

Registered: 15/09/2004
Post: 49
Loc: Milano
No!!Perdonami!! Non era la tempistica della risposta che mi lasciava perplessa, ma la presa di coscienza di aver avviato un argomento di scarso interesse!!Comunque sicuramente non sono stata chiara! Domani ripropongo la questione! Grazie!! frown frown frown

Top
#48753 - 15/09/2004 16:29 Re: Celle Casagrande
VM Offline
Member

Registered: 06/08/2001
Post: 1882
Loc: Roma
La cella di Casagrande, oltre ad essere usata in terreni a bassa permeabilità in quanto il filtro in ceramica impedisce che il terreno ostruisca la tubazioe, viene utilizzata per misurare il differenti livelli piezometrici dei un particolare acquifero o di acquiferi sovrapposti.


Infatti al disopra del filtro in sabbia che avvolge la cella, si può creare un tappo impermeabile che isola la porzione interessata dalla cella dalla restante parte del terreno

Top
#48754 - 16/09/2004 08:13 Re: Celle Casagrande
Vorlicek Offline
Member
***

Registered: 26/04/2000
Post: 1012
Loc: Este, Veneto, Italy
Attenzione anche ai tempi di risposta dei piezometri; la cella casagrande permette misurazioni in terreni poco permeabili (tra l'altro misurazioni molto più localizzate ed isolabili all'interno dei fori di sonda) molto più velocemente dei piezo tubo aperto. Quindi generalmente quando ti interessa fare misure di pressione (frane o quant'altro) piuttosto che di livello (anche se è le medesima cosa le distinguo per il loro uso) piezometrico è meglio rivolgresi al casagrande anche per terreni relativamente permeabili.
La risposta preò non si fermerebbe quà; esisto altri tipo di piezo 8corda virbrante, etc..) molto costosi, in realtà non esiste il piezo adatto a tutte le sistuazioni ma il piezo adatto al tuo problema (e naturalmente alle tue tasche..)
ciao
_________________________
"laudato si mi signore
per sora nostra acqua
tanto umile et preziosa et casta" S. Francesco d'Assisi

Vorlicek Pier - Andrea
Phd in applied geology
Post doc in hydrogeology
vorlicek@libero.it

Top
#48755 - 16/09/2004 09:48 Re: Celle Casagrande
Corindone Offline
Member

Registered: 15/09/2004
Post: 49
Loc: Milano
"La cella di Casagrande, oltre ad essere usata in terreni a bassa permeabilità in quanto il filtro in ceramica impedisce che il terreno ostruisca la tubazioe,"
CONDIVIDO E,SOPRATTUTTO LO CAPISCO!!

"viene utilizzata per misurare il differenti livelli piezometrici dei un particolare acquifero o di acquiferi sovrapposti.
Infatti al disopra del filtro in sabbia che avvolge la cella, si può creare un tappo impermeabile che isola la porzione interessata dalla cella dalla restante parte del terreno"
MA QUESTO LO POSSO OTTENERE ANCHE CON UN PIEZOMETRO A TUBO APERTO, NO? SEMPRE CREANDO DEI TAPPI SOPRA ED AL DISOTTO DEL FILTRO.
"Attenzione anche ai tempi di risposta dei piezometri; la cella casagrande permette misurazioni in terreni poco permeabili (tra l'altro misurazioni molto più localizzate ed isolabili all'interno dei fori di sonda) molto più velocemente dei piezo tubo aperto."
QUESTA UNA FRASE CHE ACCOMPAGNA SEMPRE LA SPIEGAZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE CELLE CASAGRANDE NEI TESTI!!mA PERCHè LA RISPOSTA E'PIU' RAPIDA?? confused
"Quindi generalmente quando ti interessa fare misure di pressione (frane o quant'altro) piuttosto che di livello (anche se è le medesima cosa le distinguo per il loro uso) piezometrico"
E QUI SCATTA IL MOTIVO DELLA SECONDA DOMANDA CHE AVEVO POSTO:INTUENDO ILCONCETTO CHE IL VALORE CHE LEGGO IN METRI MI ESPRIME LA PRESSIONE,ANCHE IN UNA FALDA NON CONFINATA,CREATA DAL LIVELLO PIEZOMETRICO IN UN TERRENO SATURO. Ma SE IL TERRENO NON FOSSE SATURO?LA MISURA CHE ESEGUO NEL TUBO COLLEGATO ALLA CELLA, COSA MI ESPRIME? l'ACQUA PRESENTE NEI PORI DI UN TERRENO NON SATURO ESERCITA UNA PRESSIONE IDROSTATICA CHE UN PIEZOMETRO (CASAGRANDE, TUBO APERTO O ALTRO) RIESCE A LEGGERE?
ALTRO CONCETTO(MENO FACILE DA ESPRIMERE:SE METTO IN OPERA IN TRE SONDAGGI AFFIANCATI TRE PIEZOMETRI A TRE QUOTE DIVERSE (PER ESEMPIO -20m, -12m,-8m. LEGGO PER OGNI PIEZOMETRO RISPETTIVAMENTE -16m, -10m,-7m.UN'IGNORANTONA COME ME DIREBBE HO TRE "SACCHE D'ACQUA!!". MA IL TERRENO HA UNA PERMEABILITà (10-9 o 10-7 m/s)TALE CHE, SECONDO ME :rolleyes: DOVREBBE DISPERDERE LE COLONNE D'ACQUA CHE SI CREANO NEI TUBI DEI PIEZOMETRI. bOO?? NON CAPISCO!! gRAZIE E BUONA GIORNATA!!

Top
#48756 - 16/09/2004 14:25 Re: Celle Casagrande
blizzard Offline
Member

Registered: 11/04/2000
Post: 1136
Loc: Pisa
Quote:
Originariamente inviato da Corindone:
"La cella di Casagrande, oltre ad essere usata in terreni a bassa permeabilità in quanto il filtro in ceramica impedisce che il terreno ostruisca la tubazioe,"
CONDIVIDO E,SOPRATTUTTO LO CAPISCO!!

"viene utilizzata per misurare il differenti livelli piezometrici dei un particolare acquifero o di acquiferi sovrapposti.
Infatti al disopra del filtro in sabbia che avvolge la cella, si può creare un tappo impermeabile che isola la porzione interessata dalla cella dalla restante parte del terreno"
MA QUESTO LO POSSO OTTENERE ANCHE CON UN PIEZOMETRO A TUBO APERTO, NO? SEMPRE CREANDO DEI TAPPI SOPRA ED AL DISOTTO DEL FILTRO.
si, se c'è realmente un acquifero multifalda.

Quote:


"Attenzione anche ai tempi di risposta dei piezometri; la cella casagrande permette misurazioni in terreni poco permeabili (tra l'altro misurazioni molto più localizzate ed isolabili all'interno dei fori di sonda) molto più velocemente dei piezo tubo aperto."
QUESTA UNA FRASE CHE ACCOMPAGNA SEMPRE LA SPIEGAZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE CELLE CASAGRANDE NEI TESTI!!mA PERCHè LA RISPOSTA E'PIU' RAPIDA?? confused

il tubo dove misuri la pressione è più piccolo, e risponde più rapidamente alle variazioni di pressione interstiziale.

Quote:


"Quindi generalmente quando ti interessa fare misure di pressione (frane o quant'altro) piuttosto che di livello (anche se è le medesima cosa le distinguo per il loro uso) piezometrico"
E QUI SCATTA IL MOTIVO DELLA SECONDA DOMANDA CHE AVEVO POSTO:INTUENDO ILCONCETTO CHE IL VALORE CHE LEGGO IN METRI MI ESPRIME LA PRESSIONE,ANCHE IN UNA FALDA NON CONFINATA,CREATA DAL LIVELLO PIEZOMETRICO IN UN TERRENO SATURO.

perchè le falde non confinate dovrebbero fare eccezione? sono alla pressione pressione atmosferica.

Quote:


Ma SE IL TERRENO NON FOSSE SATURO?LA MISURA CHE ESEGUO NEL TUBO COLLEGATO ALLA CELLA, COSA MI ESPRIME? l'ACQUA PRESENTE NEI PORI DI UN TERRENO NON SATURO ESERCITA UNA PRESSIONE IDROSTATICA CHE UN PIEZOMETRO (CASAGRANDE, TUBO APERTO O ALTRO) RIESCE A LEGGERE?

non lo so se ce la fa...(!) ma se misurasse qualcosa, sarebbe la tensione capillare.

ALTRO CONCETTO(MENO FACILE DA ESPRIMERE:SE METTO IN OPERA IN TRE SONDAGGI AFFIANCATI TRE PIEZOMETRI A TRE QUOTE DIVERSE (PER ESEMPIO -20m, -12m,-8m. LEGGO PER OGNI PIEZOMETRO RISPETTIVAMENTE -16m, -10m,-7m.UN'IGNORANTONA COME ME DIREBBE HO TRE "SACCHE D'ACQUA!!". MA IL TERRENO HA UNA PERMEABILITà (10-9 o 10-7 m/s)TALE CHE, SECONDO ME :rolleyes: DOVREBBE DISPERDERE LE COLONNE D'ACQUA CHE SI CREANO NEI TUBI DEI PIEZOMETRI. bOO?? NON CAPISCO!! gRAZIE E BUONA GIORNATA!! [/QUOTE]


a parte le ' 3 sacche d'acqua' (che, termine a parte, è giusto, essendo 3 livelli piezometrci distinti), nemmeno io capisco che vuoi dire...

Top
#48757 - 16/09/2004 15:09 Re: Celle Casagrande
vcolax Offline
Member

Registered: 04/04/2001
Post: 829
Loc: Cassino
Cosa significa "...dovrebbe disperdere le colonne d'acqua che si creano nei tubi..."???

Top
#48758 - 16/09/2004 15:57 Re: Celle Casagrande
Corindone Offline
Member

Registered: 15/09/2004
Post: 49
Loc: Milano
Ringrazio tutti innanzitutto per il tentativo fatto di capirmi!! frown Adesso provo a esprimere tutto in maniera più chiara:
"...dovrebbe disperdere le colonne d'acqua che si creano nei tubi..."???
I valori da me misurati indicherebbe tre livelli piezometrici distinti. Però i valori di permeabilità che caratterizzano il terreno (ed anche la litologia-ghiaia-sabbia e limo in parti uguali)non giustificano questa ipotesi. Quindi ammesso che il foro eseguito dal sondaggio per la messa in opera del piezometro in un terreno non saturo, agisca da richiamo per l'acqua presente nel terreno circostante, eseguo la misura nel piezometro e leggo la presenza di 5 metri di acqua a partire dalla testa della cella. In un terreno non saturo, io mi aspetterei che dopo un tempo tot la quota dell'acqua nei tubi del piezometro vada in equilibrio con la pressione del terreno non saturo circostante. Niente! Continuo a misurare quel livello!! Voi mi chiederete: come fai ad essere sicura che il terreno non sia saturo? Durante le perforazioni non ho mai riscontrato l'acqua!!(Terreno MOLTO UMIDO, quasi saturo, ma mai registrato un livello piezometrico!!)
Altra questione: Allineamento di 180 m. Ogni 60 m ho messo in opera 3 piezometri per un totale di 9 piezometri. Ebbene le misure registrano per ogni piezometro una quantità d'acqua che decresce regolarmente dal basso verso l'alto!! Cioè nel piezometro più in basso misuro circa 6 metri di acqua, nel secondo 4 metri, nel terzo (il più alto)2 m. Questo si ripete in tutte le tre sezioni, indipendentemente dalla quota a cui sono poste! Un disastro!! L'unica risposta che sono riuscita a darmi(ma che non so spiegare) è che il non saturo, in qualche modo trasmetta una pressione idrostatica (lo so che sembra un controsenso). Ho visto da qualche parte un accenno ad un articolo di Freeze dove parlava di pressioni in terreni non saturi ma non sono riuscita a trovare l'intero articolo! Ringraziandovi in anticipo per la vostra gentilezza mi auguro di essere stata un pò più chiara!! Buona giornata!!

Top
Pagina 1 di 2 1 2 >

Pubblicità
Ultimi Post
UE bacchetta l'Italia per superamento limit qualità delle acque
by geotux
Oggi alle 00:01
Cerco StructureScan Mini GSSI
by GeoMisk
Ieri alle 13:17
Cerco StructureScan Mini GSSI
by GeoMisk
Ieri alle 13:16
sonda inclinometrica
by PIANETA
Ieri alle 12:59
Vendo tubi inclinometrici
by Fabio Bottaro
Ieri alle 09:41
Regolamento Lazio e omissione rel geologica
by michelec
Ieri alle 09:23
static probing - peso di volume
by Egidio Grasso
27/07/2014 10:28
Statistiche Forum
14504 Utenti
33 Forums
17272 Topics
133863 Posts

Max Online: 1780 @ 08/04/2009 23:01
Nuove Registrazioni
silviomario, Gualberto, danilodidonato, GeoApulia, paolom1970
14504 Utenti Registrati
Sponsor

www.geologi.it bar-2
bar-3

Per domande o commenti su questo sito Web info@geologi.it