Filo diretto con i geologi italiani    
 
Non sei ancora iscritto ?
oggi è il compleanno di:
anna_dup1 (47)
Chi è Online
2 utenti registrati (Ang8777, Paola89), 307 Guests and 4 Spiders online.
Key: Admin, Global Mod, Mod
Top Posters (30 Days)
AD70 24
454545454554 12
anticlinale 10
mccoy 9
heisenberg 6
Sponsor
GeoFoto
Che cosa è un fossile?
Potrebbe essere un cratere di un meteorite?
Che roccia è?
Di cosa si tratta?
Sponsor
Sponsor
Pagina 1 di 5 1 2 3 4 5 >
Opzioni Topic
Vota Questo Topic
#51816 - 11/02/2008 13:34 Nuovo art.186 D.Lgs. 152/2006 *****
GEOMugello Offline
Member

Registered: 08/05/2007
Post: 102
Loc: Toscana
Ciao a tutti!!!
Mi sono trovato a discutere con un tecnico comunale riguardo il nuovo art.186 sulle terre e rocce da scavo.
Il nuovo articolo riporta inoltre quanto segue:
"...a)siano impiegate direttamente nell'ambito di opere o interventi preventivamente individuati e definiti."L'interpretazione del tecnico comunale è che per poter portare le terre in un sito è necessario individuare già a priori i siti dal quale proverranno le terre. A mio parere invece dovendo ad esempio eseguire uno scavo in un cantiere è necessario definire a priori dove tali terre verranno portate.
Spero di essere stato chiaro!
Voi che ne pensate?

Top
#51818 - 11/02/2008 14:18 Re: DOCUMENTO DEFINITIVO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: GEOMugello]
alb74 Offline
Member

Registered: 04/07/2005
Post: 43
Loc: ,
Propendo per la tua interpretazione, ossia:
se in un cantiere produco delle terre da scavo (come sottoprodotto di un'attività di escavazione), esse possono essere impiegate in altre opere (quindi in un altro cantiere), purchè tale impiego sia predeterminato e certo.
Il fatto che vi sia un impiego certo e predefinito del materiale, infatti, comporta che esso possa essere escluso dal campo di applicazione della normativa sui rifiuti.

Top
#51848 - 12/02/2008 16:45 Re: DOCUMENTO DEFINITIVO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: alb74]
Alex E.S. Offline
Member

Registered: 13/12/2006
Post: 226
Loc: Romagna
E' ovvio che l'interpretazione giusta è quella che avete detto voi, non quella del tecnico del comune. E' proprio vero che il mondo è bello perché è vario...

Top
#51873 - 13/02/2008 11:41 Re: DOCUMENTO DEFINITIVO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: Alex E.S.]
GeofranzDesio Offline
Member

Registered: 26/07/2005
Post: 683
Loc: Desio, Monza e Brianza, Lombar...
Concordo pienamente con i colleghi.
Sui tecnici comunali...............meglio non infierire

Top
#51878 - 13/02/2008 12:11 Re: DOCUMENTO DEFINITIVO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: GeofranzDesio]
alb74 Offline
Member

Registered: 04/07/2005
Post: 43
Loc: ,
Sull'interpretazione giusta dell'articolo non ci sono dubbi.
Tuttavia (ma è un altro discorso) sarebbe comunque opportuno che vi sia la "tracciabilità delle terre" e che chi le riceve ne consoca la provenienza.
Immagino quindi che la preoccupazione di un tecnico comunale potrebbe essere quella di conoscere la provenienza delle terre che arrivano nel "suo" comune. Ma forse di questo se ne dovrebbe preoccupare chi esegue i lavori....
In ogni caso, secondo me, per come leggo la norma, ogni valutazione dovrebbe essere fatta già "a monte", da parte di chi ha prodotto le terre, il quale deve verificare la "compatibilità ambientale" di queste con il sito di destinazione.

Top
#51891 - 13/02/2008 16:37 Re: DOCUMENTO DEFINITIVO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: alb74]
Massimo Della Schiava Offline


Member
*****

Registered: 04/03/2002
Post: 730
Loc: Chianti, Firenze, Toscana
Riporto per conoscenza parte della risposta data in privato a GEOMugello:

....."Ciao Stefano, sono d'accordo con te.
Secondo la mia personale interpretazione, il progetto di riporto delle terre "elude" dall'art.186, in quanto oggetto di produzione delle terre e rocce. Cerco di spiegarmi meglio, l'art. 186 norma la gestione delle terre di scavo in un determinato cantiere, che giustamente devono essere "impiegate direttamente nell'ambito di opere o interventi preventivamente individuati e definiti" gia nell'ambito della DIA o del Permesso a Costruire.
L'art. 186 non norma il progetto di riporto delle terre, che sarà oggetto di un altro permesso a costruire e che dovrà prescrivere la provenienza delle terre di scavo da utilizzare in base alla destinazione d'uso del sito di destinazione ed alle prescrizioni dell'art. 186 stesso.

In parole povere come fai a individuare preventivamente le opere e gli interventi di riutilizzo se prima non te le approvano??....."


Saluti

Massimo
_________________________
Predatori del mondo intero, adesso che mancano terre alla loro sete di totale devastazione, vanno a frugare anche il mare: avidi se il nemico e' ricco, arroganti se e' povero, gente che ne l'oriente ne l'occidente possono saziare; loro soli bramano possedere con pari smania ricchezze e miseria.
Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero;infine, dove fanno il deserto, dicono che e' la pace.
(Tacito, Agricola, 30).

Top
#51945 - 15/02/2008 13:16 Re: DOCUMENTO DEFINITIVO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: Massimo Della Schiava]
Alex E.S. Offline
Member

Registered: 13/12/2006
Post: 226
Loc: Romagna
Quindi, Massimo, come risolveresti il problema? Faccio un es.

Abbiamo un sito di provenienza delle terre con progetto approvato o DIA ed un sito di destinazione ben individuato nel quale non è ancora stata presentata la DIA e non esiste alcun progetto approvato.
Secondo te, andrebbe bene un progettino di riutilizzo in cui si indica il sito di provenienza (con relativa DIA, analisi ecc.) e si individua il sito di destinazione, fornedo per ques'ultimo le relative informazionie ambientali ed urbanistiche, descrivendo i lavori in esso previsti e specificando che questi saranno a loro volta soggetti a specifica DIA o permesso di costruire?
Saluti

Alessandro

Top
#51954 - 15/02/2008 15:37 Re: DOCUMENTO DEFINITIVO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: Alex E.S.]
Massimo Della Schiava Offline


Member
*****

Registered: 04/03/2002
Post: 730
Loc: Chianti, Firenze, Toscana
L'argomento del nuovo art. 186 va ancora molto ad interpretazione (qui in Prov. di Firenze il 27 pv la Provincia dovrebbe dare le linee guida ai comuni).
Sempre secondo la mia interpretazione:
1) Devi sottoporre a DIA o Permesso a Costruire il progetto di riutilizzo delle terre presso il sito Y,
2) una volta approvato il progetto di riutilizzo devi presentare una "sorta di integrazione" (parla con il tecnico comunale tante alle volte volesse una variante) alla DIA o al Permesso a Costruire con la comunicazione che le terre di scavo verranno conferite presso il sito Y a seguito della DIA (o permesso a Costruire) n°XX de XX/XX/XXXX.

I rapporti poi tra Comune ed ARPA non sono chiari, in teoria il Comune potrebbe rilasciare il nulla osta anche senza il parere ARPA.

Da dopo il 27 febbraio saprò dire qualcosa di più (perlomeno per la Provincia di Firenze).

Ciao

Massimo
_________________________
Predatori del mondo intero, adesso che mancano terre alla loro sete di totale devastazione, vanno a frugare anche il mare: avidi se il nemico e' ricco, arroganti se e' povero, gente che ne l'oriente ne l'occidente possono saziare; loro soli bramano possedere con pari smania ricchezze e miseria.
Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero;infine, dove fanno il deserto, dicono che e' la pace.
(Tacito, Agricola, 30).

Top
#52007 - 18/02/2008 10:44 Re: DOCUMENTO DEFINITIVO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: Massimo Della Schiava]
Alex E.S. Offline
Member

Registered: 13/12/2006
Post: 226
Loc: Romagna
Quindi siamo sostanzialmente d'accordo. Comunque aspettiamo queste (ed altre) linee guida e riaggiorniamoci. Ciao.

Alessandro

Top
#52099 - 20/02/2008 21:55 Re: DOCUMENTO DEFINITIVO TERRE E ROCCE DA SCAVO [Re: Alex E.S.]
gdankg Offline
Member
*****

Registered: 30/04/2006
Post: 158
Loc: Siena
scusate una domanda che riguarda quest'articolo (mi sembrava inutile aprire un post nuovo): ma in questo decreto viene effettuata una nuova classificazione dei rifiuti?cioè il decreto Ronchi parlava di rifiuti urbani speciali e, con riferimento alle caratteristiche, pericolosi e non. Ma nel 152/06 si parla di rifiuti urbani (e umidi), verdi, speciali e inerti e, sempre con riferimento alle caratteristiche, pericolosi e non. come considerarli??
grazie mille

Top
Pagina 1 di 5 1 2 3 4 5 >

Moderatore:  Massimo Della Schiava 
Pubblicità
Ultimi Post
Coversione misure peso
by Paola89
45 minuti 18 secondi fa
Pozzo in cantina
by Ivanhoe
Oggi alle 18:15
Testi di geologia d'epoca
by Giovanni Bellott
Oggi alle 12:18
DISEGNATORE TECNICO
by UGOGEO
Oggi alle 11:57
Vendo penetrometro dinamico DL030 Sunda a punta conica con accessori
by NicGrz
Ieri alle 23:31
Regolarizzazione spettro RSL
by 454545454554
Ieri alle 10:09
Rexel VS Rexelite
by 454545454554
10/11/2019 21:32
Statistiche Forum
16914 Utenti
36 Forums
19757 Topics
144560 Posts

Max Online: 1780 @ 08/04/2009 23:01
Nuove Registrazioni
NicGrz, Gug, Simone Giorgi, alebosen, anonimato
16913 Utenti Registrati
Sponsor

www.geologi.it bar-2
bar-3

Per domande o commenti su questo sito Web info@geologi.it