Filo diretto con i geologi italiani    
 
Non sei ancora iscritto ?
oggi è il compleanno di:
faustocetra (47)
Chi è Online
2 utenti registrati (Ang8777, Sterig), 376 Guests and 3 Spiders online.
Key: Admin, Global Mod, Mod
Top Posters (30 Days)
Renato Di Proper 8
supertramp 8
Crissesha 4
STRESS 2
GIA Consulting 2
Sponsor
GeoFoto
Caso Curioso!
Roccia Val Seriana
Riconoscimento frammento di roccia
Riconoscimento roccia
Sponsor
Sponsor
Pagina 1 di 2 1 2 >
Opzioni Topic
Vota Questo Topic
#70372 - 16/09/2009 12:14 terremoti e faglie lontane
salpingoporella Offline
Junior Member

Registered: 16/09/2009
Post: 18
Loc: Chieti
in seguito al terremoto aquilano, si sono registrati eventi sismici anche a diversi km di distanza dal'Aquila, l'ultimo stanotte nella Val Di Sangro (sempre in Abruzzo) ma ce ne sono stati altri in Molise, sui Monti Reatini e in Umbria...
bisogna considerare questi eventi come una diretta conseguenza del sisma aquilano o sono indipendenti?
e l'attivazione di queste faglie può essere considerata pericolosa (ovviamente basandoci su dati statistici)?
studio geologia a Chieti e sono molto interessata all'argomento...e anche un pò preoccupata a dire la verità!

Top
#70380 - 16/09/2009 13:28 Re: terremoti e faglie lontane [Re: salpingoporella]
vabene Offline
Member

Registered: 06/06/2009
Post: 77
Loc: Abruzzo
sei in buona compagnia frown
_________________________
'Se l'intelligenza è la nostra salvezza, la stupidità è la più grande minaccia, e per questo merita di diventare oggetto di ricerca'(J.A.Marina, in Il fallimento dell'intelligenza)

Top
#70386 - 16/09/2009 14:29 Re: terremoti e faglie lontane [Re: vabene]
abruzzese Offline
Junior Member

Registered: 04/05/2009
Post: 20
Loc: Abruzzo
No vorrei sbagliarmi ma la faglia che si è mossa stanotte dovrebbe essere in relazione con la cosidetta faglia del Porrara di cui si è parlato a proposito di terremoto di Sulmona del '700

Top
#70419 - 16/09/2009 18:59 Re: terremoti e faglie lontane [Re: abruzzese]
vabene Offline
Member

Registered: 06/06/2009
Post: 77
Loc: Abruzzo
durante le scorse settimane l'attività è stata quasi 'normale' (nel senso che si teneva su un livello di m. 0.9-1.2... - 2.0).
1 ora dopo il 3.4 della Val di Sangro si sono avute 'risposte' dell'aquilano di 2.4. come se si fosse ringalluzzita frown

l'ansia. mi sta a crescere l'ansia..
_________________________
'Se l'intelligenza è la nostra salvezza, la stupidità è la più grande minaccia, e per questo merita di diventare oggetto di ricerca'(J.A.Marina, in Il fallimento dell'intelligenza)

Top
#70429 - 16/09/2009 20:59 Re: terremoti e faglie lontane [Re: vabene]
salpingoporella Offline
Junior Member

Registered: 16/09/2009
Post: 18
Loc: Chieti
quindi potrebbe verificarsi un'evento come quello del 1700? tra l'altro c'è stato un altro terremoto con epicentro nella val di sangro il 27 aprile!

Top
#70430 - 16/09/2009 21:10 Re: terremoti e faglie lontane [Re: abruzzese]
salpingoporella Offline
Junior Member

Registered: 16/09/2009
Post: 18
Loc: Chieti
c'è una discussione sul forum a riguardo? dove posso trovarla?

Top
#70599 - 20/09/2009 17:26 Re: terremoti e faglie lontane [Re: salpingoporella]
mccoy Offline

M
Member
****

Registered: 22/03/2004
Post: 8123
Per questo aspetto specifico delal sismotettonica storica e paleosismologia c'è Galadini che risponde al forum dell'INGV, ha lavorato molto in Abruzzo.
_________________________
"Data speak for themselves" -Reverend Thomas Bayes 1702-1761
P(Ai|E)=(P(E|Ai)P(Ai))/P(E)

Top
#70601 - 20/09/2009 17:42 Re: terremoti e faglie lontane [Re: mccoy]
mccoy Offline

M
Member
****

Registered: 22/03/2004
Post: 8123
E questa e la sua risposta:

Quote:
Vorrei chiedervi se il terremoto della val di sangro del 16/09/2009,e stato innescato dalla cosidetta faglia della maiella,oppure e stato generato da un altro tipo di faglia?
Volevo anche chiedervi se la famosa faglia (adesso non più attiva) quella di cramanico,che passa anche su sant'eufemia a maiella,potrebbe riprendere la sua attività.
Cordiali saluti.
Risponde Fabrizio Galadini il 2009-09-18 08:51:13
Gentile Signor Basti,
un terremoto di magnitudo cosi' bassa e' generato da una rottura in profondità di piccole dimensioni. E' impossibile, trattandosi di un evento isolato, stabilire una relazione con grandi faglie potenzialmente responsabili di forti terremoti.
Per quanto riguarda la faglia di Caramanico, per quello che se ne sa, la sua attivazione sarebbe frutto di processi geologici talmente lunghi da non riguardare l'arco temporale rappresentato dalla vita della nostra generazione e di molte generazioni a venire.
Cordiali saluti,
Fabrizio Galadini
_________________________
"Data speak for themselves" -Reverend Thomas Bayes 1702-1761
P(Ai|E)=(P(E|Ai)P(Ai))/P(E)

Top
#70628 - 21/09/2009 09:49 Re: terremoti e faglie lontane [Re: mccoy]
AZ53 Offline
Member

Registered: 02/05/2009
Post: 121
Loc: Avezzano
"Per quanto riguarda la faglia di Caramanico, per quello che se ne sa, la sua attivazione sarebbe frutto di processi geologici talmente lunghi da non riguardare l'arco temporale rappresentato dalla vita della nostra generazione e di molte generazioni a venire.
Cordiali saluti,
Fabrizio Galadini "

Oh, Mccoy, perchè non mi posti qualcosa di simile sulla faglia del fucino? ( ah, e.. già che ti ci trovi anche su quella del Pettino, và!)


Edited by AZ53 (21/09/2009 09:50)
_________________________
Biologo, solo biologo

Top
#70692 - 21/09/2009 22:03 Re: terremoti e faglie lontane [Re: AZ53]
mccoy Offline

M
Member
****

Registered: 22/03/2004
Post: 8123
Forse forse ti potrei esaudire, mi sembra che lo stesso Galadini parlava di un migliaio di anni per la riattivazioen della faglia del Fucino (quindi 2900) e stesso periodo per quella di Pettino (quindi 2700). Osservazioni da paleosismologo, ovviamente, basate sulle cronache storiche ma anche su osservazioni su trincee con corredo di datazioni al C14.

Un sismologo strutturista potrebbe non essere d'accordo.

Purtroppo accade che in Appennino le faglie attive sono numerose, molte anche ignote, per cui prima o poi la botta arriva, e se è già arrivata da una parte, non è escluso che riutorni dall'altra.

A scanso di allarmismi: si parla di scale temporali non brevi, anzi lunghe o molto lunghe ed eventi imprevedibili con precisione, ma l'unica cosa che si può fare è la prevenzione, a qualsiasi livello.
_________________________
"Data speak for themselves" -Reverend Thomas Bayes 1702-1761
P(Ai|E)=(P(E|Ai)P(Ai))/P(E)

Top
Pagina 1 di 2 1 2 >

Moderatore:  mccoy 
Pubblicità
Ultimi Post
Sisimica a Rifrazione - topografia - Rayfract
by Rayfract
Oggi alle 05:12
Vendo energizzatore e link box PASI per geoelettrica
by Gda1990
22/10/2021 17:44
Di che pietra si tratta?
by supertramp
21/10/2021 20:58
autorizzazione pozzi
by RDO
21/10/2021 18:58
Vendo Penetrometro Pagani TG 63-100
by Bob63ZZ
21/10/2021 15:34
Collaboratori Cercasi
by GIA Consulting
20/10/2021 12:26
Cerco n. 1 geofono starter 10Hz oppure geofono verticale da 4.5 hz
by spapa
20/10/2021 10:21
Statistiche Forum
17402 Utenti
36 Forums
20338 Topics
146038 Posts

Max Online: 1780 @ 08/04/2009 23:01
Nuove Registrazioni
ROSARIOP, a.grig, AntonioGN, Bob63ZZ, StaglianoGuido
17401 Utenti Registrati
Sponsor

www.geologi.it bar-2
bar-3

Per domande o commenti su questo sito Web info@geologi.it