Filo diretto con i geologi italiani    
 
Non sei ancora iscritto ?
oggi è il compleanno di:
ida dell'arciprete (39), Raynaldo (66)
Chi è Online
1 utenti registrati (adilex), 38 Guests and 10 Spiders online.
Key: Admin, Global Mod, Mod
Top Posters (30 Days)
mccoy 46
Adriano Iachetta 30
DanielaP 20
albatros 19
AD70 17
Sponsor
GeoFoto
Lastra wowww
Fossile da riconoscere
tesi triennale
Monte Agudo
Sponsor
Sponsor
Opzioni Topic
Vota Questo Topic
#98441 - 17/03/2011 10:30 Misure di portata in un pozzo
calandrino Offline
Junior Member

Registered: 03/03/2011
Post: 9
A livello pratico come si eseguono le misure di portata, in un testo ho letto che la portata si valuta con il metodo volumetrico consistente nell'uso di un recipiente a volume noto e di un cronometro. Mi sapreste spiegare i vari passaggi pratici per raccogliere i dati in campagna?
Sapete se esiste qualche manuale per l'utilizzo del software AQUITEST?
Grazie ancora e buona serata!

Top
#98543 - 18/03/2011 10:51 Misura della portata con metodo volumetrico [Re: calandrino]
Berna Offline

Member

Registered: 09/06/2000
Post: 66
Loc: Bologna, Emilia Romagna, Itali...
Quando si eseguono prove di pompaggio è molto importante un controllo della portata estratta dalla pompa. La portata estratta infatti è uno dei parametri fondamentali per l'interpretazione della prova e quindi deve essere conosciuto con precisione.
Occorre evitare assolutamente di riferirsi alla portata nominale della pompa in quanto la portata effettivamente estratta può essere diversa dalla portata dichiarata dal costruttore.
In linea di massima esistono due sistemi per mantenere sotto controllo la portata estratta: si può installare un contalitri sul tubo in uscita dalla pompa o si può procedere con letture periodiche utilizzando un metodo volumetrico.
L'utilizzo del contalitri consente una verifica costante della portata. Occorre però considerare che il contalitri deve essere installato seguento alcune accortezze e sopratutto non è sempre detto che le misure siano affidabili. I contalitri meccanici, che sono quelli di comune utilizzo, si intasano facilmente e quindi se l'acqua estratta dal pozzo non è perfettamente pulita dopo un po' possono iniziare a dare letture non corrette. Per questa ragione, anche se viene utilizzato un contalitri, occorre sempre prevedere un controllo periodico con metture volumetriche, che rappresentano il metodo più semplice e sicuro per misurare la portata.
Operativamente la misura viene eseguita nee modo seguente:
1) si posiziona un recipiente di volume noto sotto al tubo di scarico della pompa
2) si misura in quanto tempo il recipiente si riempie d'acqua
3) si calcola la portata dividendo il volume del recipiente per il tempo impiegato per il suo riempimento

Esempio: un recipiente da 50 litri si riempie in 14.5 secondi. La portata sarà: 50 litri/14.5 secondi = 3.45 litri/sec.

Se per esercizio vuoi fare una prova, puoi:
1) prendere un recipiente graduato, tipo quello utilizzato per scopi alimentari per preparare la torta fatta in casa
2) aprire il rubinetto del lavandino
3) povare a misurare la portata in uscita

L'esperimento è molto banale, ma ti consente di verificare dal vivo come si procede con le misure.

L'unica accortezza da seguire è scegliere un recipiente di dimensioni adeguate in funzione della portata che devi misurare: maggiore è la portata maggiore deve essere la dimensione del recipiente. Un recipiente troppo piccolo infatti si riempirebbe troppo in fretta e non sarebbe possibile con un cronometro manuale prendere una misura esatta del tempo.



La foto ad esempio mostra un recipiente da 1000 litri usato per verificare manualmente la portata nel corso di una prova di pompaggio.

Di norma la scelta del recipiente si fa un po' con quello che si ha a disposizione. Indicativamente ti potrei suggerire un recipiente che, per riempirsi, impieghi almeno 10 secondi. Cioè, se la portata estratta dalla pompa è di circa 4 litri/sec, il recipiente dovrebbe essere di almeno 40-50 litri di capienza.


Per quello che riguarda la frequenza delle letture vale un po' il principio che più sono frequenti meglio è. Questo ovviamente va verificato anche sul posto, guardando un po' nel corso della prova se la pompa mantiene una portata costante o se presenta delle forti oscillazioni.
Considera anche che, con il procedere della prova, il livello nel pozzo si abbassa. Di conseguenza la prevalenza aumenta e la portata tende un po' a diminuire. Questo fenomeno è normale.

Per quello che riguarda il software Aquitest non ti saprei rispondere in quanto io utilizzo altri software.
In ogni caso, sopratutto se è una delle prime prove che segui, ti consiglio di affiancare all'interpretazione con il software anche una interpretazione con l'utilizzo delle classiche formule analitiche. L'utilizzo di formule analitiche infatti ti consente di avere un controllo molto superiore sul processo interpretativo di comprendere meglio il processo e di capire se la prova può essere o meno considerara atendibile.
Saluti.


_________________________
Gabriele Bernagozzi
Consulenze idrogeologiche
www.bernagozzi.net

Top
#98551 - 18/03/2011 12:15 Re: Misura della portata con metodo volumetrico [Re: Berna]
gibbo at work Offline
Member
***

Registered: 25/11/2002
Post: 515
Ultimamente ci sono sistemi tecnologicamente avanzati per valutare la portata che socrre in un tubo, da quelli ad ultrasuoni che sfruttano l-effetto doppler, a quelli che sfruttano la forza di coriolis.
I piu' economici rimangono i misuratori ad elica e gli stramazzi.

I misuratori ad elica, tipo il classico contatore dell-acquedott vanno montati come previsto dal certicitato e dalle istruzioni, ad una notevole distanza da ogni curva del tubo si aprima che dopo. Inoltre il tubo ci cui misurano la portata deve essere pieno, sennza aria al suo interno, sennil dato letto nn e' reale.

Anche gli stramazzi sono un ottimo strumento per la misura della portata, anche questi vanno montati accuratamente, controllano la perfetta orizzontalita; del sisteme.

Per controllare che non siano insorti problemi nel sistemaa di misurazione, conviene avere due sistemi indipendenti e la lettura deve eseere uguali sui due sistemi, a meno di una tolleranza molto piccola (<5%)

Top
#98587 - 18/03/2011 18:00 Re: Misura della portata con metodo volumetrico [Re: Berna]
calandrino Offline
Junior Member

Registered: 03/03/2011
Post: 9
Grazie, davvero gentile e dettagliato.

Top
#100047 - 07/04/2011 20:18 Re: Misure di portata in un pozzo [Re: calandrino]
Luigi M. Paternò Offline
Member

Registered: 04/11/2010
Post: 43
Loc: Lombardia - Milano - Cisliano
Ho letto con interesse le risposte dei colleghi e sono tutte in, effetti, correttissime. Però, secondo me, manca qualcosa:
il "perchè" usare un metodo piuttosto che l'altro.

Mi spiego meglio. Una prova di pompaggio si fa per definire, in genere, due cose (entrambe o una delle due):

1) parametri dell'acquifero (Trasmissività e coefficiente di immagazzinamento)
2) efficenza del pozzo

La portata è basilare perchè in entrambe queste attività rientra nelle formule di calcolo quindi è rilevante vedere come incide nei diversi casi.

Per meglio spiegarmi ho fatto una simulazione con due metodi di determinazione dei coefficienti B, C, n nella famosa formula

s = BQ + CQ^n

Ho simulato i risultati che possono derivare da una variazione del +- 5, 10, 20 % sulle letture di portata e ho osservato che cosa succedeva sui parametri C, B, n sia nel caso di un'interpretazione secondo Jacob sia nel caso di un'interpretazione secondo Rorabaugh, ho ottenuto i seguenti risultati

JACOB
+-%Q B C
-20 -23,64% -28,57%
-10 -10,91% -14,29%
-5 -5,45% 0,00%
0 0,00% 0,00%
5 5,45% 0,00%
10 9,09% 14,29%
20 16,36% 14,29%

Considerando che n = 2 in Jacob ne deriva che praticamente B manifesta lo stesso errore di Q mentre per C le cose sono diverse e tende a non manifestare errori apprezzabili fino al 5% per poi salire via via sempre più. Ci si poteva aspettare questo in quanto C e Q sono legati da una relazione di proporzionalità secondo l'esponente 2 mentre B e Q secondo una relazione lineare.

RORABAUGH

Se si usa il metodo di Rorabaugh le cose cambiano lievemente, in questo caso n è incognito e io ho ottenuto la seguente tabella:

Q B C n
-20,00% 23,64% 56,86% -1,02%
-10,00% 10,91% 15,53% -0,18%
-5,00% 5,45% 1,18% 0,17%
0,00% 0,00% 0,00% 0,00%
5,00% -5,45% 11,02% -0,69%
10,00% -9,09% -9,09% 0,00%
20,00% -16,36% -23,05% 0,35%

In pratica per B vale più o meno la stessa regola che in Jacob mentre C, fortemente influenzato dall'introduzione di un logaritmo nella metodologia di interpretazione, è del tutto fuori controllo anche con un minimo valore % di scostamento mentre n (come ci si poteva aspettare perchè è non correlato) non presenta praticamente variazioni in relazione alla variazione di precisione nella misura di Q.

Andando però all'atto pratico e considerando che l'efficienza di un pozzo si calcola con il rapporto tra BQ (abbassamento in regime laminare o "in falda") e BQ+CQ^n (abbassamento totale) si ottiene che, ad esempio con il metodo di Jacob, il primo gradino della mia prova di pompaggio mi mostra con errore zero sulla lettura di portata (caso teorico) efficienza 86% e con errore -20% efficienza 85%. Applicando la simulazione all'ultimo gradino si trova un'efficenza del 55% nel caso di lettura precisa e del 54% nel caso di lettura errata del -20%.

Questo tipo di analisi che io ho applicato solo per spirito di contraddizione (consentitemi un po' di scherzare, data l'ora da happy hour) è davvero importante perchè consente di osservare quali errori si possano tollerare nell'esecuzione delle misure. E' un'analisi di sensitività del dato, ci dice come tutto il nostro sistema possa portare a risultati diversi introducendo diversi tipi di errore o valori. Chi fa analisi di rischio conosce bene questo tipo di analisi preliminare, gli altri in genere tendono un po' ad ignorarla.

In caso si debba usare una prova per determinare B (che poi è utilizzabile per la definizione della Trasmissività) un minimo errore nella lettura della portata si riflette sul valore finale in modo praticamente diretto: se sbagliamo del 20% abbiamo un errore del 20%.

Se, invece, ci serve definire qual'è l'efficenza del pozzo allora un errore del 20% sulla lettura di portata ci apporta un errore dell' 1% sulla definizione dell'efficienza del pozzo.

Quindi dire che ho misurato portata 10 l/s o 8 o 12 l/s non cambia molto a livello dell'efficienza e della curva di efficienza che ne costuirò a seconda delle portate. Basterà, semmai e successivamente, ri-misurare e ritare i risultati, semmai.

Da qui la regola generale che la scelta della metodologia di misura è funzione della precisione che si vuole raggiungere ma che questa è comunque funzione del risultato che vogliamo ottenere.

Acquistare o fare acquistare sofisticatissimi contatori per lavori di determinazione dell'efficenza di un pozzo (ad esempio subito dopo la costruizione e a sviluppo ultimato o subito prima e subito dopo un ravvenamento) potrebbe metterci in cattiva luce e potrebbe magari farci accusare dal cliente o suoi tecnici di scarsa qualità anche se siamo in tutta coscienza convinti di essere stati bravissimi perchè abbiamo consigliato la strumentazione più precisa. Il problema è che tutta questa precisione non ci serviva e abbiamo fatto la figura di quelli che sparavano con un cannone contro un moscerino.

Sto facendo gli stessi esercizi di simulazione per la determinazione di K e Sy nelle prove di pompaggio a portata costante, se però c'è qualcuno più rapido di me a farle e postarle ben venga, io amo lavorare per la causa della nostra professione ma amo soprattutto tirare con l'arco e in questo periodo le giornate sono belle, ... la tentazione è irresistibile
:-)

Top
#123530 - 17/01/2013 09:31 Re: Misure di portata in un pozzo [Re: Luigi M. Paternò]
Cristiano1000mq Offline
Junior Member

Registered: 17/01/2013
Post: 2
Salve a tutti,

Avrei bisogno del vostro aiuto per capire quanta acqua può dare il mio pozzo. Ho comprato da poco casa e ho trovato nel giardino un pozzo senza pompa. La lunghezza totale del pozzo è circa 23 m e la colonnna d’acqua è alta 7,5 m, mentre il diametro è di 200 mm. Come faccio a capire se la pompa che vorrei installare (120 l/m) è adeguata alla falda...in parole povere che portata ha il mio pozzo?

Io abito sul litorale laziale ad Ardea, zona nuova Florida...se può essere d’aiuto a capire l’area geologica.

Grazie

Top
#125050 - 12/03/2013 22:25 Re: Misure di portata in un pozzo [Re: Cristiano1000mq]
geotux Offline
Member

Registered: 28/04/2005
Post: 375
Loc: Shrewsbury, UK
Per questo tipo di problematica si eseguono i cosi detti "step test" ovvero portata a gradini. Senza installare una pompa nel pozzo non potrai effettuare questa valutazione.

Antonio

Top

Pubblicità
Ultimi Post
Sismologia-Libro
by nebbiolo
20/12/2014 19:40
GEOLOGO-GEFISICO IN SVIZZERA
by hevelius
20/12/2014 18:20
Aquisto carte geologiche dall'estero
by Egidio Grasso
20/12/2014 17:19
Calcolo Intensità di Housner da NERA/EERA
by mccoy
19/12/2014 22:12
Cerco occupazione nell'ambito della geologia
by Peppe84
19/12/2014 21:03
retini geologici qgis
by ACorradini
19/12/2014 19:55
Georiferire due shp con ArInnanzitutto.3..PR
OBLEMONE

by ACorradini
19/12/2014 19:21
Statistiche Forum
14757 Utenti
34 Forums
17488 Topics
135553 Posts

Max Online: 1780 @ 08/04/2009 23:01
Nuove Registrazioni
forever, Peppe84, Melania, leonardom, geobono-geolab
14756 Utenti Registrati
Sponsor

www.geologi.it bar-2
bar-3

Per domande o commenti su questo sito Web info@geologi.it