Filo diretto con i geologi italiani    
 
Non sei ancora iscritto ?
Today's Birthdays
There are no members with birthdays on this day.
Who's Online Now
1 members (Marcello Olivito), 449 guests, and 10 robots.
Key: Admin, Global Mod, Mod
Top Posters(30 Days)
antrea 2
Sponsor
GeoFoto
Riconoscimento rocce dalla Val Formazza
richiesta di chiarimento
richiesta di chiarimento
by ChrisChris, October 29
Roccia carsica con strani forme ovali
Roccia carsica con strani forme ovali
by Dario Delbono, September 15
Dall'Abruzzo...
Dall'Abruzzo...
by ChrisChris, September 10
Sponsor
Sponsor
Previous Thread
Next Thread
Print Thread
Rate Thread
Page 2 of 44 1 2 3 4 43 44
Joined: Mar 2009
Posts: 28
F
Junior Member
***
OP Offline
Junior Member
***
F
Joined: Mar 2009
Posts: 28
E aggiungerei, sulla struttura principale c'è anche la facoltà di ingegneria..gli epicentri di qst giorni sono tutti tra roio e coppito

Joined: Mar 2004
Posts: 8,135
M
Member
****
Offline
M
Member
****
Joined: Mar 2004
Posts: 8,135
Quote:
Quelli dell'osservatorio sismico aquilano si famnno sentire molto poco...


ecco, era proprio questo a cui alludevo, è una struttura costruita con le tasse dei contribuenti ma dalla quale si ricavano apparentemente informazioni utili nulle o molto scarse.

Sul resto OK: molte ipotesi, ma l'unico ente davvero autorevole perchè dovrebbe conoscere la situazione locale, tace.

In California usano il California building code, a parte san Francisco dov evige il San Francisco building code.

L'edizione 2007 del CBC è quella in vigore, ma mi sembra governi l'AP act (citato nel successivo post) di non agevoel interpretazione.

Frank, tu dici che l'Università di Roio sta su una faglia attiva, sembra che il campus di Berkeley è anche ubicato su una faglia attiva, non ostante ciò sono stati aggiunti degli edifici.

Tutto il mondo è paese.

Last edited by mccoy; 22/03/2009 19:26.

"Data speak for themselves" -Reverend Thomas Bayes 1702-1761
P(Ai|E)=(P(E|Ai)P(Ai))/P(E)
Joined: Mar 2004
Posts: 8,135
M
Member
****
Offline
M
Member
****
Joined: Mar 2004
Posts: 8,135
Quote:
The California Alquist-Priolo (AP) Earthquake Fault Zoning Act of 1972 prohibits building structures for human occupancy over active faults. This directive seems simple but in practice has proven difficult to follow. The language of the Act and the related policies and criteria allow for different interpretations. Some believe that the language provides a degree of latitude for the professional geologist to make judgments regarding the hazard associated with minor faults. Others believe the language requires stringent criteria with no such latitude and that all faults within the AP zones are potential hazards that must be avoided in the absence of clear evidence precluding Holocene ground rupture. The AP Act has been implemented for many years using the less stringent criteria. The GeoHazards Committee of the California State Mining and Geology Board recently recommended that the language be interpreted to mean that all faults within an AP zone are presumed to be active until demonstrated otherwise. This interpretation presents difficult challenges to consultants, reviewers, city officials, and developers. The stringent criteria probably cannot be met where tract developments are proposed in complex fault zones. Public safety and welfare is better served by a mitigation program that combines avoidance of well-defined faults with engineered mitigation applied to all other areas where construction is proposed within an AP Zone.





http://www.conservation.ca.gov/cgs/rghm/Pages/near_source_zones.aspx


http://scottsvalley.org/downloads/town_center/4.5%20Geology%20and%20Soils.pdf






"Data speak for themselves" -Reverend Thomas Bayes 1702-1761
P(Ai|E)=(P(E|Ai)P(Ai))/P(E)
Joined: Mar 2009
Posts: 28
F
Junior Member
***
OP Offline
Junior Member
***
F
Joined: Mar 2009
Posts: 28
Un'intervista a Giuliani sul radon. Dal sito www.ilcapoluogo.it


5 domande a... Giampaolo Giuliani e il suo Precursore sismico
(di Roberta Galeotti)

da Administrator
Commenti: 0





1 – Giampaolo Giuliani, tecnico di laboratorio presso l’INFN dei Laboratori del Gran Sasso, come Le è venuta l’idea di realizzare uno strumento in grado di prevedere le scosse sismiche?
Nel 2001 stavamo osservando il misuratore di particelle cosmiche quando, in corrispondenza del terremoto in Turchia, rilevammo una quantità straordinaria, rispetto al solito, di radon. La cosa mi incuriosì molto ed iniziai ad approfondire la mia conoscenza del radon. Scoprii che era correlato spesso ai terremoti ed ebbi l’idea di realizzare uno strumento in grado di rilevare il radon. A quell’epoca un radometro costava 60.000.000 di vecchie lire.

Così ho impiegato quasi 2 anni per realizzare da solo uno strumento in grado di rilevare il radon, iniziai ad osservarlo ed a studiarlo, e con l’aiuto di un sismografo mi resi conto che la concentrazione di radon aumentava in corrispondenza di un evento sismico. Nel 2002, ad esempio, in corrispondenza del terremoto di S. Giuliano, registrammo valori 100 volte maggiori alla norma, ma disponendo di 1 solo precursore sismico eravamo in grado di emanare un allarme per un evento sismico che distava più di 50 km da L’Aquila, senza poter fornire altre informazioni circa la collocazione o la direzione dell’evento stesso. Oggi con 5 precursori saremmo in grado di essere molto più precisi, triangolando i dati ed i segnali di concentrazione del radon.

2 – Che cos’è il radon?
E’ un gas nobile ed è il gas più pesante che esista. Non interagisce con altre sostanze, quindi esce dalla crosta terrestre e si stratifica fino a 10 centimetri da terra, essendo così pesante ed a causa della pressione atmosferica, non riesce ad alzarsi di più. E’ il killer delle cantine non areate in quanto se respirato in quantità elevate porta il cancro ai polmoni: l’atomo di radon ha una vita media di 3,8 giorni e nel suo decadimento produce due isotopi, il Piombo-214 ed il Bismuto-214, che decadendo beta rilasciano radiazione gamma. I gamma inalati si fissano ai polmoni, ai bronchi ed al pancreas annichilendo questi stessi organi! Quando c’è un evento sismico, per esempio, la quantità di radon presente nei locali che ospitano gli strumenti è talmente alta da essere dannosa e sono costretto ad aspettare almeno un giorno per accedervi.

3 –Ci spiega la sua invenzione, la sua creatura? Che cos’è un Precursore sismico?
E’ uno strumento in grado di rilevare il radon e di evidenziarne le modifiche di concentrazione. Il precursore sismico permette di monitorare i territori e, attraverso la variazione di concentrazione del radon, permette di prevedere un evento sismico con un anticipo variabile dalle 6 alle 24 ore e una efficienza maggiore dell’80%. Ora disponiamo di 5 stazioni che ci consentono di triangolare i dati ottenendo con precisione l’epicentro ed il grado sismico dell’evento. Attraverso questa macchina ho potuto studiare il comportamento del radon e conoscerne delle caratteristiche non note alla scienza ufficiale perché sprovvista della tecnologia da noi utilizzata. I 5 Precursori sismici si trovano a Coppito, nel Laboratorio del Gran Sasso (ospite dell’INFN), presso la scuola De Amicis, a Fagnano e a Pineto; sono tutti a più di 3 metri sotto terra e in corrispondenza di un evento sismico rilevano nello stesso momento, lo stesso segnale creando un grafico perfettamente sovrapponibile.

4 – Cosa ci può dire dello Sciame sismico che dal 16 gennaio scorso interessa la città e spaventa i suoi abitanti?
Attraverso il Precursore sismico abbiamo potuto riscontrare, in questi 9 anni di studio, che il territorio di L’Aquila è interessato ogni anno nello stesso periodo da uno sciame sismico, non intenso e, per questo, in genere non percepito dalla popolazione. Quest’anno questo sciame sismico è stato più intenso e con delle scosse più forti, che sono state rilevate dalla popolazione. Lo sciame non è un fenomeno preparatorio ad un evento sismico più rilevante, né ha correlazione con grandi piogge o nevicate, come ho sentito dire da molti. E’ un fenomeno normale per una zona come quella di L’Aquila.
I dati ottenuti in questi 9 anni di studi, ci hanno consentito di rilevare un rischio sismico maggiore nel periodo invernale che va da novembre ad aprile. Senza voler banalizzare, ma per semplificare i concetti, posso aggiungere anche che l’attività sismica è strettamente correlata alle fasi lunari. In particolare quest’anno, il sistema Terra-Luna, si è venuto a trovare al Perielio (Punto più vicino al Sole, in Inverno) con la Luna nello stesso periodo alla minima distanza dalla Terra, e con il Pianeta Venere allineato, in fase di Venere piena anch’essa vicina. L’attrazione gravitazionale delle masse sulla Terra hanno intensificato l’effetto marea sul nostro pianeta, rendendo gli eventi sismici più rilevanti, rispetto agli altri sciami, cui siamo stati interessati negli anni precedenti. Mi sento di poter tranquillizzare i miei concittadini, in quanto lo sciame sismico andrà scemando con la fine di marzo.

5 – Come si pone la scienza ufficiale nei riguardi della sua invenzione?
Mi osserva con interesse … una parte mi da fiducia, come dimostra anche il Direttore dell’INFN che mi ha messo a disposizione un locale per ospitare uno dei 5 Precursori sismici; una parte è un po’ più cauta e scettica. Nel 2005 ho tenuto un seminario presso l’INFN a cui hanno partecipato quasi 100 scienziati, alcuni esperti di geofisica altri di particelle cosmiche. In quella occasione ho presentato il rivelatore di radon, ho rivelato i dati che dimostrano l’efficienza dello strumento ed ho dimostrato la correlazione tra l’allarme generato dal Precursore e l’evento sismico.

Joined: Apr 2005
Posts: 1,886
A
Member
***
Offline
Member
***
A
Joined: Apr 2005
Posts: 1,886
Allora McCoy hai letto la relazione presentata al GNGTS?
Non era certo rivolta ai professionisti! Era rivolta sia a chi ha redatto le NTC, i quali non possono rimandare ad approfondimenti degli eurocodici su argomenti così delicati, tanto più che in Europa qualche nazione come la Francia ha già normato in merito e sia a chi come Istituzione è stata messa al corrente dal Servizio Sismico Nazionale e dalla Provincia e non ha fatto nulla, come invece è accaduto in altre regioni tipo l’Umbria. Sono cose note e se qualcuno mi ha invitato ad esporle è perchè forse non può farlo più di tanto per le pressioni che puoi immaginare.

McCoy
Quote:
“Il problema poi è che se io nella relazione scrivo che l'edificio non può essere costruito perchè nelle immediate vicinanze della faglia, il progettista non mi darà più lavoro.
Per cui è il genio civile che deve bloccare a priori i progetti in quella fascia”


Ma di quale fascia stiamo parlando se non viene studiata da chi di è capace la situazione e viene stabilita una fascia di rispetto?
Scusa ma anche tu che sei un dipendente pubblico ed hai lavorato al Genio Civile penso che dovresti avere a cuore tale situazione e preoccuparti del fatto che poi in prossimità o sopra una faglia attiva nota e studiata tramite trincee paleosismologiche dai ricercatori del SSN e dell’INGV come quella di Campotosto, del Gran Sasso o dell’alta valle dell’Aterno, NON SI DEVE COSTRUIRE e non al fatto che poi il committente non ti darà più il lavoro!
Altrimenti accade che geologi come Frank non capiscono che l’attivazione di una faglia attiva che viaggia a ca. 1500 mt/s attraversando una fondazione porta al collasso di qualsiasi struttura e non vi sono contromisure tecniche per contrastarla!


Frank
Quote:
Infine, penso che il problema non sia non costruire in zone sismiche ma come costruire e l'educazione in merito della popolazione, e quì si è messi davvero male...
Ad es in California che fanno...se ne vanno tutti?


In California la Alquist Priolo dal 1972 ha stabilito come ci si deve comportare anche in presenza di faglie attive e come si stabiliscono le fasce di rispetto.

McCoy
Quote:
“Frank, tu dici che l'Università di Roio sta su una faglia attiva, sembra che il campus di Berkeley è anche ubicato su una faglia attiva, non ostante ciò sono stati aggiunti degli edifici.

Tutto il mondo è paese.”


L'Università di Roio sopra una faglia attiva? e chi lo ha detto?

Comunque non è proprio così solo in Provincia dell’Aquila abbiamo una diga di 200 milioni di mc d’acqua con sotto numerosi paesi, dei laboratori (INFN) con grosse quantità di liquidi pericolosi le quali frasi di rischio sono a volte indeterminabili e circondati da acqua utilizzata ad uso potabile da ca. un milione di abitanti, due gallerie autostradali e diverse frazioni in prossimità o sopra faglie attive, mentre nel paese citato e cioè la California già dal 1972 hanno normato in merito.....no non proprio tutto il mondo è paese.

Per gli approfondimenti scientifici del caso rivolgetevi agli autori degli articoli citati nella bibliografia riportata sul mio intervento e discutetene con loro (uno è a capo dell’INGV di Milano) magari meglio di me vi sapranno delucidare sulla situazione assurda che c’è in Abruzzo e in genere in Italia.
Sia chiaro questo è solo un'aspetto delle cose che in campo sismico come in altri campi dei rischi naturali non vanno in Italia e non deve essere il solo geologo di una piccola Provincia a denunciarli in un Convegno Nazionale.

Ciao e alla prossima

P.S. Frank per favore collegati a questo sito e capirai che Giuliani invece di fare ricerca seria in un Laboratorio preposto ad altro e già sequestrato dalla Magistratura poichè non autorizzato allo scarico delle sostanze pericolose, non autorizzato al prelievo delle acque e soprattuto non isolato idraulicamente dalla falda acquifera utilizzata come potabile (da ca. 1 milione di persone) per il quale c'è voluta un'Ordinanza Nazionale di Protezione Civile per la messa in sicurezza e la cui realizzazione ha comportato insieme alle gallerie un abbassamento di 600 mt della falda acquifera, perde tempo in un campo non di sua competenza e svia l'opinione pubblica dalle cose serie che andrebbero affrontate:
http://www.ingv.it/faq/terremoti/e-possibile-prevedere-i-terremoti

Last edited by Alex-64; 22/03/2009 23:59.

Niuno però presagì prima dell’avvenimento quello, che dopo l’avvenimento di poter naturalmente presagire dicevano quasi tutti
Joined: Mar 2004
Posts: 8,135
M
Member
****
Offline
M
Member
****
Joined: Mar 2004
Posts: 8,135
Quote:
Scusa ma anche tu che sei un dipendente pubblico ed hai lavorato al Genio Civile penso che dovresti avere a cuore tale situazione e preoccuparti del fatto che poi in prossimità o sopra una faglia attiva nota e studiata tramite trincee paleosismologiche dai ricercatori del SSN e dell’INGV come quella di Campotosto, del Gran Sasso o dell’alta valle dell’Aterno, NON SI DEVE COSTRUIRE e non al fatto che poi il committente non ti darà più il lavoro!


Alex,
come puoi notare il mio nick è mccoy, non Donchisciotte grin

Non sono io che ho l'autorità di decidere se la città può continuare a svilupparsi in quell'area, io posso solo segnalare la presenza di una struttura sepolta attivatasi ultimamente nel 1915 (e la proiezione precisa del lineamento sulla superficie topografica nanche la conosco)ed il rischio che ne consegue.
Se fossi io a decidere ovviamente bloccherei tutto, attiverei uno studio dettagliato dell'area, toglierei l'osservatorio sismico che non serve a niente poichè i dati non vengono utilizzati, ecc. ecc.

Certamente non mi lascio sfuggire l'occasione di terrorizzare i residenti smirk.

Denunciare la situazione va bene, ma, ripeto, mccoy suona il pianoforte e non brandisce lance contro i mulini a vento.

Se rileggi il mio post, l'AP act del 1972 in California non ha una lettura interpretativa univoca per cui qualcuno continua a costruire sopra le faglie attive.
La situazioen è stata di recente denunciata da un Mining bureau, ma mi risulta che la norma sia ancora vigente.
I californiani si trovano nella medesima situazione degli aquilani.


"Data speak for themselves" -Reverend Thomas Bayes 1702-1761
P(Ai|E)=(P(E|Ai)P(Ai))/P(E)
Joined: Apr 2005
Posts: 1,886
A
Member
***
Offline
Member
***
A
Joined: Apr 2005
Posts: 1,886
Originariamente inviato da: mccoy
Quote:
Scusa ma anche tu che sei un dipendente pubblico ed hai lavorato al Genio Civile penso che dovresti avere a cuore tale situazione e preoccuparti del fatto che poi in prossimità o sopra una faglia attiva nota e studiata tramite trincee paleosismologiche dai ricercatori del SSN e dell’INGV come quella di Campotosto, del Gran Sasso o dell’alta valle dell’Aterno, NON SI DEVE COSTRUIRE e non al fatto che poi il committente non ti darà più il lavoro!


Alex,
come puoi notare il mio nick è mccoy, non Donchisciotte grin

Non sono io che ho l'autorità di decidere se la città può continuare a svilupparsi in quell'area, io posso solo segnalare la presenza di una struttura sepolta attivatasi ultimamente nel 1915 (e la proiezione precisa del lineamento sulla superficie topografica nanche la conosco)ed il rischio che ne consegue.
Se fossi io a decidere ovviamente bloccherei tutto, attiverei uno studio dettagliato dell'area, toglierei l'osservatorio sismico che non serve a niente poichè i dati non vengono utilizzati, ecc. ecc.

Certamente non mi lascio sfuggire l'occasione di terrorizzare i residenti smirk.

Denunciare la situazione va bene, ma, ripeto, mccoy suona il pianoforte e non brandisce lance contro i mulini a vento.

Se rileggi il mio post, l'AP act del 1972 in California non ha una lettura interpretativa univoca per cui qualcuno continua a costruire sopra le faglie attive.
La situazioen è stata di recente denunciata da un Mining bureau, ma mi risulta che la norma sia ancora vigente.
I californiani si trovano nella medesima situazione degli aquilani.


McCoy non bisogna essere dei Donchisiotte per avere un po' di cosienza civile e non pensare sempre al tornaconto personale, se ognuno di noi e nel nostro piccolo facesse il proprio dovere per sollevare una questione come questa avremmo molti problemi in meno pur lavorando tutti, soprattutto se non si è nella condizione di essere ricattati da chi ti fornisce lavoro in quanto si ha già uno stipendio sicuro.

Per quanto riguarda la Alquist-Priolo ricordo che la questione fu meglio affrontata da Naso del SSN ma anche da Paolo Galli (SSN) e Fabrizio Galadini (INGV) ai quali potresti per curiosità rivolgerti. L'argomento è noto non è che l'ho scoperto io, se ne è già dibattutto in diverse sedi scientifiche, se non ricordo male si parlva di precise fasce di rispetto (30 mt o giù di li). Infatti nell'esposizione del mio argomento al Convegno nessuno, compreso Valensise, ebbe da obiettare su questa questione, cioè quella legata alla normativa Californiana o Francese, ma addirittura ricordo se non erro anche Canadese o altro, l'argomento è stranoto ed è pacifico che molte altre Nazioni anche a rischio sismico inferiore al nostro hanno preso seriamente la questione normando in merito.
Nel documento che ho scaricato io si deduce quanto segue e credo che ci sia ben poco di interpretativo sul fatto che non bisogna edificare su faglie attive:
Ciao e buon lavoro

from California Department of Conservation, DMG, Special Publication 42, Revised 1992
ALQUIST-PRIOLO SPECIAL STUDIES ZONES ACT OF 1972
SIGNED INTO LAW DECEMBER 22,1972; AMENDED SEPTEMBER 26, 1974; MAY 4, 1975; SEPTEMBER 28, 1975; SEPTEMBER 22, 1976;SEPTEMBER 27, 1979, SEPTEMBER 21, 1990, AND JULY 29, 1991.
Excerpts from California Public Resources Code
DIVISION 1. ADMINISTRATION
CHAPTER 2. DEPARTMENT OF CONSERVATION
Article 3. State Mining and Geology Board and the Division of Mines and Geology
660. There is in the department a State Mining and Geology Board consisting of nine members appointed by the Governor.
673. The board shall also serve as a policy and appeals board for the purposes of Chapter 7.5 (commencing with Section 2621) of Division 2.
DIVISION 2. GEOLOGY, MINES AND MINING
CHAPTER 7.5. SPECIAL STUDIES ZONES
2621. This chapter shall be known and may be cited as the Alquist-Priolo Special Studies Zones Act.
2621.5. It is the purpose of this chapter to provide for the adoption and administration of zoning laws, ordinances, rules, and regulations by cities and counties in implementation of the general plan that is in effect in any city or county. The Legislature declares that the provisions of this chapter are intended to provide policies and criteria to assist cities, counties, and state agencies in the exercise of their responsibility to prohibit the location of developments and structures for human occupancy across the trace of active faults as defined by this board.

Last edited by Alex-64; 24/03/2009 08:17.

Niuno però presagì prima dell’avvenimento quello, che dopo l’avvenimento di poter naturalmente presagire dicevano quasi tutti
Joined: Mar 2004
Posts: 8,135
M
Member
****
Offline
M
Member
****
Joined: Mar 2004
Posts: 8,135
Alex,
spero che non abbia preso sul serio la battuta di Don Chisciotte, ma ripeto, io da solo, o noi colleghi presi individualmente, non possiamo cambiare ASSOLUTAMENTE NULLA.

Se non porre in evidenza che esiste una fascia tettonica e che questa comporta un elevato rischio in caso di sisma.

Se poi il committente decide di abitarci lo stesso, io cosa posso farci?

Se prepari una petizione per il nostro Consiglio Nazionale, sarò tra i primni a firmarla. Sono aspetti che si risolvono con pressioni a livello collettivo.

Inoltre: le prescrizioni dell'EC8 esistono ed hanno valore ufficiale in quanto sono ufficialmente richiamate nella Circ. 617/09.

Qual'è però l'autorità nazionale che decide che una faglia sia attiva?
Questo deve risultare da documentazione ufficiale, non solo da considerazioni di letteratura tecnica.
Inoltre, devono essere cartografate a scala molto dettagliata le tracce dei lineamenti in superficie e deve essere specificata la fascia di non edificabilità.

Se tutto questo non viene ufficialmente prescritto, ripeto che oltre che citare la nota dell'EC8 o la situazione, io (poco donchisciottamente) non vedo cosa altro posso fare.

Se hai suggerimenti di ordine pratico questi sono naturalmente bene accetti.


Che io sappia, ma si può approfondire, l'AP-act viene aggirato in molte maniere.

'Fatta la legge e scoperto l'inganno' è un motto non solo italiano. Devo ricercare qual'è l'equivalente in california grin


"Data speak for themselves" -Reverend Thomas Bayes 1702-1761
P(Ai|E)=(P(E|Ai)P(Ai))/P(E)
Joined: Apr 2005
Posts: 1,886
A
Member
***
Offline
Member
***
A
Joined: Apr 2005
Posts: 1,886
Oddio a che ora mi riduco a rispondere a questi post.
Allora McCoy tutti possiamo fare qualcosa e le cose se si vuole si possono cambiare come è già accadudo nel Comune di Norcia dove hanno spostato l'ubicazione dove era prevista la costruzione di una scuola a seguito di dettagliate indagini (archeo e paleosismologiche con la precisione del metro stabilendo anche una fascia di rispetto) condotte sia da professionisti locali che dai ricercatori del SSN e dell'INGV domani mi dovrei sentire al telefono per un saluto con uno dei protagonisti e ne approfitto per chiedergli il documento che credo già mi abbia inviato e non ricordo dove ho messo.
Ti tengo al corrente e se sei VERAMNTE interessato sarei molto grato anche del tuo apporto. Io da solo, e nel mio piccolo, ho proposto già un'interrogazione parlamentare a risposta scritta (che andrebbe ripresa poichè senza risposta), una lettera dell'Ente in cui lavoro indirizzata sia alla Regione che al SSN, all'INGV, al RID di Perugia e all'Enel per la diga di rio Fucino, l'esposizione al Convegno Nazionale del GNDTS ed un articolo di giornale sul Messaggero. Che devo fa di più io non penso alla committenza poichè non esercito libera professione ma così da solo tra un po' qualcuno mi manda a fare il geologo in un archivio.....o peggio.....mi cementano in una faglia attiva con la futura fondazione del ponte sullo stretto di Messina che l'attraversa smirk .

Ciao Alessandro V.


Niuno però presagì prima dell’avvenimento quello, che dopo l’avvenimento di poter naturalmente presagire dicevano quasi tutti
Joined: Apr 2005
Posts: 1,886
A
Member
***
Offline
Member
***
A
Joined: Apr 2005
Posts: 1,886
Dimenticavo anche un articolo sulla rivista nazionale Sicurezza Civile.......fatta chiudere.


Niuno però presagì prima dell’avvenimento quello, che dopo l’avvenimento di poter naturalmente presagire dicevano quasi tutti
Page 2 of 44 1 2 3 4 43 44

Moderated by  mccoy 

Link Copied to Clipboard
Ultimi Post
Geofoni
by antrea - 17/02/2024 13:21
K0 coefficiente di spinta a riposo
by davide cornaglia - 17/02/2024 09:03
Strumentazione sismica Sara Instruments
by antrea - 17/02/2024 07:49
Forum Statistics
Forums36
Topics20,763
Posts146,900
Members17,825
Most Online1,780
Apr 8th, 2009
Newest Members
FNo, costa13, Geotech2008, Dani Pozzi Geol., bullino
17,824 Registered Users
Sponsor
www.geologi.it bar-2
bar-3

Per domande o commenti su questo sito Web info@geologi.it

Powered by UBB.threads™ PHP Forum Software 7.7.5
(Release build 20201027)
Responsive Width:

PHP: 7.4.33 Page Time: 0.014s Queries: 35 (0.006s) Memory: 3.0261 MB (Peak: 3.2528 MB) Data Comp: Off Server Time: 2024-02-21 01:57:05 UTC
Valid HTML 5 and Valid CSS